Questo sito contribuisce alla audience di

Iridologia Bio-Enegetica: come si interpreta?

Care amiche e cari amici, vorrei completare con questo intervento la seconda parte che riguarda l'introduzione allo studio della Iridologia Bio-Energetica preparata dal dott. Lucio Birello.

Nell’uomo possiamo identificare tre strutture fondamentali, il corpo fisico, la psiche, l’energia vitale come già detto nel precedente intervento: l’iridologia bio-energetica, cos’è. Quali sono i messaggi rilevabili dall’iride dai quali è possibile interpretare la corretta sinergia tra materia ed energia? Ecco in breve il criterio d’analisi.

Il CORPO FISICO è studiato prevalentemente rilevando i classici segni iridologici a livello dell’iride (lacune, macchie, pigmenti, anelli di crampo, anelli patologici, radiali, trasversali, etc). Vedere: primi approcci alla lettura dell’iride.

Le CARATTERISTICHE PSICHICHE possono essere studiate a livello della pupilla. Sappiamo, infatti, che la forma pupillare non è altro che il risultato del sinergismo d’azione di due muscoli costrittore e dilatatore della pupilla, innervati dalle due componenti del S.N.A.(Sistema Nervoso Autonomo) parasimpatico e simpatico. Il S.N.A. è a sua volta regolato da impulsi provenienti da strutture centrali, in particolar modo dall’ipotalamo (che fa parte del sistema limbico), costantemente informato sullo stato emotivo del soggetto.
Dall’iride siamo in grado di valutare se vi sono problemi a livello di Es, Ego, Super-ego, se le energie che modulano il Super-ego o nutrono l’Es sono in armonia, se vi sono tensioni a livello di coscienza con i vari settori dell’inconscio, se vi sono problemi di rapporto con l’esterno.

Lo studio della COMPONENTE ENERGETICA, prendendo in considerazione sia l’iride sia la struttura pupillare e peri-pupillare, nonché la funzione contrattile dei muscoli sfintere e dilatatore fornisce informazioni su:
1) Quantità di Yin e di Yang presenti nel soggetto esaminato.
2) Controllo delle energie (sec. la legge dei cinque movimenti energetici)
3) Distribuzione delle energie
4) Capacità di rifornimento di energia terrestre e celeste.

Alla conclusione di un esame iridologico così effettuato siamo quindi in grado di ipotizzare la sede di un disturbo, che può trovarsi a livello fisico, psichico oppure energetico. Dall’esperienza acquisita sembra che la maggior parte delle alterazioni dello stato di benessere che portano il paziente all’iridologo si trovino sui piani psichici o energetico, piani difficilmente esplorabili con altre metodiche, perlomeno con la rapidità consentita dall’iridologia.
.