Questo sito contribuisce alla audience di

Cork

Limerick was, Dublin is and Cork will be...

Un vecchio detto irlandese dice:

Limerick was,

Dublin is,

And Cork will be

The finest city of the three

Bene, allora aspettiamo di vedere se Cork sarà davvero la più bella… per il momento proviamo a fare una piccola introduzione alla seconda città della Repubblica, situata a Sud, di poco all’interno dalla costa, adagiata sull’estuario del fiume Lee…

La storia di Cork (dal Gaelico Corcaigh, palude) è ricca e particolare (si è guadagnata anche l’appellativo di Rebel Cork) e l’intera area della Contea (da cui viene anche Michael Collins) ha spesso avuto un ruolo cruciale nella ribellione al dominio inglese.

Ricordiamo soltanto che durante la battaglia per l’indipendenza, iniziata nel 1916 con la Easter Rising a Dublino, il centro di Cork fu distrutto dai famigerati Black and Tans.

Dal punto di vista architettonico lo Shandon Steeple (campanile della Chiesa di St. Ann, nella zona Nord) può essere considerato il simbolo della città; dell’edificio famosa è soprattutto la torre campanaria e le sue Shandon Bells alle quali sono dedicati i versi di Padre Mahony.

Assolutamente da vedere la Cattedrale di St. Finbarr (fondatore della città) e i luoghi che sottolineano l’altra anima di Cork, quella commerciale.

Cork in passato ha praticamente detenuto il monopolio nel commercio del burro; diversi i luoghi che ne hanno ospitato le trattative o la definizione del prezzo: tra questi il Firkin Crane Building, anch’esso nell’area di Shandon.

In giro per Cork si può tranquillamente dare inizio allo shopping avvolti nella bella architettura dell’English Market e proseguire poi per le vie più centrali, St. Patrick’s Street in testa.

Altri argomenti fondamentali della vivacità di Cork e dintorni sono i festivals, i centri culturali e la musica. Tutto ciò senza dimenticare che Cork è anche un’importante città universitaria.

Un fitto calendario di eventi e manifestazioni accompagna le estati della Contea mentre alcuni famosi locali o centri hanno una ricca tradizione nel campo musicale e per ciò che riguarda l’arte in generale.

Il Triskel Arts Centre, il Sirius Arts Centre (a Cobh), il Lobby (dei Nomos) possono essere contatti interessanti per coloro che cercano approfondimenti sulla musica o le diverse aree espressive mentre, semplicemente per le piacevoli serate irlandesi, tra pubs e ristoranti c’è solo l’imbarazzo della scelta.

E, se vogliamo concludere sottolineando una certa rivalità con la capitale, come non farlo a giri di pinta? Marchi storici e blasonati di Cork sono Murphy’s e Beamish; anche se in tempi più recenti il business è passato attraverso acquisizioni internazionali, entrambe le case produttrici sono legate alla vita cittadina e viceversa. Consigliata una visita ed entrambi i websites; serio e didattico quello della Murphy’s, scanzonato e avvincente quello della Beamish (c’è anche una sezione dedicata allo slang corkiano…)

In questa introduzione a Cork sono considerati solo marginalmente i suoi dintorni che meritano sicuramente un intervento a parte: il Blarney Castle, il porto di Cobh, Bantry… Terminiamo semplicemente con una foto di Kinsale, importante centro gastronomico e caratteristico villaggio…

Kinsale - photo by Amelia - Agosto 1999

Ultimi interventi

Vedi tutti