Questo sito contribuisce alla audience di

Villaggi costieri

L'Islanda è un paese ricco di contrasti.....una terra forte che richiede, ai suoi abitanti, una forte tempra ed un grande spirito di adattamento.

Vivere sulla costa vuol dire di godere di temperature molto più miti di quelle della zona interne all’isola, dove i freddi vendi glaciali fanno da padrone e dove il deserto artico permette a pochissime specie di animali di sopravvivere.
Gli islandesi, sin dalla prima loro colonizzazione, per abitare hanno potuto contare su una ristretta fascia territoriale, per di più lungo la costa, vicino a quel mare che, però, gli ha permesso di svilupparsi ed arrivare fino ai nostri giorni.
Un popolo fiero, sparso in comunità, piu’ o meno piccole, lungo la costa dell’isola traendo da questo mare del nord ricchezza e sostentamento
Per chi arriva via nave in Islanda, il piccolissimo porto di Seydisfjordur appare come una piccola perla incastonata fra montagne con la cima sempre innevata, anche ad agosto. Fino quasi alla fine degli anni ’80, era un’impresa gia’ uscire dal piccolo villaggio e salire sui tornanti per raggiungere al di la della valle, il primo villaggio degno di nota ossia Egillssadir……ma si parla sempre di piccola comunità, leggermente maggiore delle 1000 anime che vivono al porto di Seydisfjordur .
E pensare che fino agli inizi del XX secolo, questo piccolo porto aveva una popolazione che era circa un sesto di quella della capitale, contendendogli ricchezza e fama, proponendosi come polo principale della sua regione.

Ultimi interventi

Vedi tutti