Questo sito contribuisce alla audience di

Lingua e colori

Riusciamo a colorare la nostra vita anche con le parole?

Vi ricordate i giochetti del mezzogiorno televisivo, iniziati da quel monumento che é nonostante tutto Raffaella Carrà? Roba da preistoria televisiva, però all’epoca l’Italia stava lì a contare i fagioli con passione. E il primo-quiz tormentone fu se dico rosa cosa mi rispondi?. Per settimane questa parola fu associata a migliaia di repliche possibili. Del resto i colori in ogni lingua sono importanti, e questo vale anche per la lingua italiana.

Non solo per raccontare l’arcobaleno ma per esprimere emozioni, parlare di se stessi e di ciò che ci circonda. Tanto per cominciare, il mondo si divide in due: tra chi vede la vita a colori e chi in bianco e nero (tra cui i cani, ma loro ci sono costretti dalla natura!); poi si può vedere tutto grigio o tutto nero, se siamo un po’ giù o molto giù: magari se siamo andati in bianco on in rosso sul conto corrente…(ma potremmo essere finiti anche in un blackout improvviso) oppure svegliarsi allegri e vedere tutto rosa (La vie en rose cantava Edith Piaf); se invece si vede rosso, significa che siamo molto arrabbiati, come i tori nell’arena o i tacchini nell’aia (ma ci sono ancora i tacchini nell’aia? e da quale parte d’Italia e della Toscana i tacchini si chiamano luci come al mio paese?)…

E passando da un vizio capitale all’altro, dall’ira del rosso si va al verde d’invidia. Eppure il verde é anche speranza. Forse perché essere al verde significa non avere più un soldo, quindi rimane solo la speranza…E se il rosso é anche il colore della passione, e il bianco della purezza, il blu invece é quello della paura. Già, avere una fifa blu, magari mentre si guarda un film noir (qua ci viene di nuovo in soccorso il francese) si, proprio i film de paura…

E azzurro? Da sempre non solo il colore del mare e del cielo, ma é un sinonimo di sportivi e deputati italiani. Per non parlare delle Azzurre che popolano il BelPaese e gli altri bellissimi nomi derivati dai colori: tutti conosciamo perlomeno una Bianca, o una Viola, o una Rossella, la mitica Scarlett di Via col Vento.

E allora, raccontateci la vostra vita e la vostra lingua a colori…Io comincio: se dico giallo, cosa mi rispondi? Gelosia, sarà la replica di innamorati e giardinieri, ma non solo…

Ultimi interventi

Vedi tutti