Sindone. Cosa significa?

Etimologia e significato del termine di origine semitica.

sindone Il termine sindone (pr. sìndone) nella lingua italiana indica un lenzuolo di tela sottile con cui anticamente si avvolgevano i cadaveri.

Oggi questo termine è quasi in disuso ma rimane vivo nel contesto religioso poiché è diventato per antonomasia la Santa Sindone, ovvero il lenzuolo nel quale si dice fu avvolto il corpo di Gesù dopo la morte.

L’ostensione della Santa Sindone è dunque l’esibizione ai fedeli del telo che conserva l’immagine del Cristo.

Tale termine deriva dal latino sindon (sindon, sindonis), sostantivo femminile che significa tessuto fine, vestito di mussolina, lenzuolo, che a sua volta deriva dal greco antico σινδών (sindòn): tessuto di lino finissimo, tela finissima, tela, lenzuolo.

Pare che tale parola sia di origine semitica e che indicasse il sottile drappo di lino con cui le antiche popolazioni semitiche avvolgessero i cadaveri prima del seppellimento.

Come già affermato, oggi col termine sindone si indica in italiano il lenzuolo di lino che avrebbe avvolto il corpo di Gesù Cristo per la deposizione nel santo sepolcro.

Secondo la tradizione esso venne prima conservato a Gerusalemme, poi giunse a Costantinopoli e in seguito nel medioevo arrivò in Francia a Chambery, cittadina dalla quale la Sacra Sindone venne traslata a Torino più di quattrocento anni fa.

La Santa Sindone non è da confondersi col Santo Sudario ovvero con il panno con cui si racconta che Veronica abbia asciugato il volto di Gesù e sul quale rimase impressa l’effige del volto.

Tale reperto storico e religioso è conservato presso la cattedrale di Oviedo, capitale delle Asturie, in Spagna, nella quale ogni Venerdì Santo avviene l’ostensione del Santo Sudario.

Per saperne di più:
Sindone, sudario - Treccani
Santa Sindone
Guida Piemonte

Peeplo Engine

Un motore di ricerca nuovo, ricco e approfondito.

Inizia ora le tue ricerche su Peeplo.

Ultimi interventi

Vedi tutti