Questo sito contribuisce alla audience di

Grande oro di Arakawa.

La campionessa olimpica del pattinaggio artistico e` a sorpresa la giapponese Shizuka Arakawa: e` la prima volta. L`asiatica si impone con un`esercizio molto convincente e praticamente perfetto, riuscendo dove nemmeno Midori Hito era arrivata: vince un`Olimpiade nel pattinaggio di figura.

Arakawa, terza dopo la prima giornata, scavalca Sasha Cohen ma soprattutto la pluricampionessa del mondo Irina Slutskaya, che paga un errore su un triplo lutz.

La giapponese, 24 anni, ottiene con un libero da 125.32, il risultato inimmaginabile, 191.34 punti complessivi. Cohen, in testa dopo il programma originale, paga, invece, una serie di errori in avvio di esercizio sulle due combinazioni, e perde la medaglia d`oro, ma ottiene l`argento: 183.36. Slutskaya non puo` che recriminare: programma libero da 114.74, poco piu` che accettabile per un`atleta del suo livello, e deve assestarsi a quota 181.44. Carolina Kostner conclude la sua gara nona, con un libero da 99.73 punti e con una classifica finale di 153.50.

L`esercizio dell`italiana parte piuttosto bene, e la combinazione che l`aveva distratta dopo il programma corto (una serie di due salti tripli, il flip e il toe-loop) riesce, anche se la seconda esecuzione per sicurezza viene fatta solo doppia. I problemi, pero`, arrivano dopo: un bel doppio lutz che avrebbe dovuto essere eseguito in combinazione, termina in balaustra per fortuna senza cadute. Riescono, invece, il loop (triplo) e il primo doppio Axel e l`esercizio sembra incanalarsi bene. A creare problemi, pero`, sono le combinazioni, tutte aperte da un doppio Axel: la prima non riesce, e per sicurezza Kostner non accenna nemmeno al secondo salto trovandosi sbilanciata, la seconda viene pasticciata: doppio Axel, elemento di raccordo, un Salchow solo doppio e, senza piu` spinta, un loop solo semplice. I giudici alla fine sono severi, assegnandole solo un 99.73 per il programma libero, ma in classifica guadagna comunque due posizioni per le troppe cadute della giapponese Miki Ando e della giovanissima georgiana Elena Gedevanishvili (16 anni). L`altra italiana in gara, Silvia Fontana, chiude l`Olimpiade 22.a con un esercizio comunque convincente.

Fonte: Datasport.it