Questo sito contribuisce alla audience di

Hayao Miyazaki, mago dell’animazione

La rassegna dedicata al maestro giapponese, con otto film, si apre sabato con un concerto di musiche tratte dalle sue pellicole

La Fondazione Cineteca Italiana, in collaborazione con l’associazione Mima di Milano, organizza dal 1 al 9 luglio una retrospettiva dedicata a Hayao Miyazaki, con otto titoli e un concerto di musiche tratte dai suoi film. Non sono molti i registi di cinema di animazione che, come Miyazaki, hanno ricevuto il leone d’Oro alla Carriera della Mostra del Cinema di Venezia e conquistato l’Orso d’Oro al Festival di Berlino e un Oscar (entrambi attribuiti a «La città incantata»).
 

Come ha scritto Alessandro Bencivenni nella sua monografia «Hayao Miyazaki. Il dio dell’anime» (Le Mani, Genova, 2005), «Legato per nascita al Giappone traumatizzato dalla guerra, per ideologia a un marxismo egualitario e pacifista, per cultura alla tradizione letteraria anglosassone, e tradizione al folklore popolare, Miyazaki esprime nella sua arte questo straordinario intreccio di contraddizioni. Uno specchio magico dove riconosceremo con stupita meraviglia immagini misteriose e familiari, creature reali e fantastiche disegnate con perfetta eleganza e levità: mille forme brulicanti di un unico immenso inconscio collettivo che abbraccia culture e tempi apparentemente inconciliabili». Sabato 1 luglio per l’inaugurazione serale della rassegna, la giovane pianista giapponese Haruna Nakada terrà un concerto per pianoforte con musiche tratte dai film di Miyazaki e brani di Ryuichi Sakamoto; a seguire la proiezione di «Il mio amico Totoro».
 
HAYAO MIYAZAKI, dall’1 al 9 luglio, Cineteca Italiana/Spazio Oberdan, viale Vittorio Veneto 2, tessera 3 euro, biglietto 5/3 euro. Info: tel. 02.7740.6300
 
 
Fonte: Corriere della Sera