Questo sito contribuisce alla audience di

L'INCONTRO DELLA VITA

Come Jimi diventò una rockstar internazionale

A N.Y., Jimi fece l’incontro che gli permise di entrare nel giro che contava: Chas Chandler, bassista degli Animals, era negli USA per cercare nuovi talenti visto il suo ruolo anche di manager. Chandler rimase letteralmente fulminato dalle esibizioni di Hendrix e lo volle assolutamente portare in Inghilterra per farlo esibire. Nella Swinging London di quegli anni, Hendrix è un vero tifone sconvolgente: insieme a Noel Redding (basso) e Mitch Mitchell (batteria) trasforma ogni sua esibizione nei club in qualcosa di incredibilmente elettrizzante. E così finalmente tutto quel talento live diventò finalmente anche produzione discografica: fu la Track Records con Kit Lambert, già manager degli Who, che gli offrì la grande occasione, pubblicando in rapida successione due singoli, “Hey Joe” e “Purple haze”. L’album di debutto “Are You Experenced?”, trasformano Jimi anche in un genio dello studio di registrazione con l’uso dell’overdubbing in maniera geniale: tracce su tracce di chitarra vengono incise e contenute nei vari brani, creando ancora oggi negli appassionati una suggestiva ricerca di tutte le chitarre sovra incise nei pezzi. E finalmente per Jimi arrivò il momento della riconquista d’America. Siamo nel giugno del 1967, e all’incredibile Festival di Monterey Jimi accetta il difficile compito di esibirsi dopo gli Who: la genialità chitarristica era già al top; se poi aggiungiamo che in quel live set bruciò la sua chitarra (gesto veramente “ribelle” per quegli anni) potete capire come la sua fama si elevò a livelli altissimi in tutto il mondo.

Ultimi interventi

Vedi tutti

Link correlati