Questo sito contribuisce alla audience di

Lo stadio che verrà

Si sviluppa il progetto del nuovo stadio

Il vecchio Delle Alpi è stato orma quasi totalmente demolito, e si prevede che questa prima fase termini entro la fine di questo mese. Ormai quasi tutti i tifosi sanno che il nuovo stadio sarà più piccolo - 40.200 posti -, senza barriere tra campo e tribune e con spettatori saranno a meno di nove metri dal terreno di gioco - noi avevamo pubblicato un video a questo proposito nell’intervento Il nuovo stadio della Juventus. Si sa meno sul resto del progetto.

L’idea è quella di creare un luogo di ritrovo, di aggregazione, da vivere sette giorni su sette. Il progetto per questo sta prendendo forma grazie all’accordo tra Juventus e Conad, che ha comprato gli spazi commerciali integrati nel futuro impianto sportivo - si parla di 34.000 mq di superficie.

L’accordo è il primo del genere in Italia. Gli spazi verranno realizzati da Nordiconad, una delle otto cooperative del consorzio Conad. Complessivamente la catena ha 472 punti vendita nel nostro paese - sessanta in Piemonte. Negli spazi commerciali Conad verranno realizzati un ipermercato a marchio E.Leclerc-Conad (di 4.500 mq), una galleria commerciale con 60 negozi, una catena fai-da-te e un parcheggio di duemila posti.

Il business plan prevede un flusso di 10.000 visitatori al giorno, 800 nuovi posti di lavoro e un investimento complessivo di 90 milioni di euro, per uno shopping center che a regime svilupperà un giro d’affari di 150 milioni di euro l’anno.

Alberto Rolla, l’architetto che ha pensato agli spazi commerciali e l’inserimento urbanistico dell’intero complesso, ha detto che: “in Europa ci sono già alcuni esempi di grandi stadi con annessi spazi commerciali, ma non vi è ancora una struttura che vede così integrate, fin dalle prime fasi progettuali, tutte le funzioni”.

Ultimi interventi

Vedi tutti