Questo sito contribuisce alla audience di

Se anche l'Inter vende, la Juve può tornare a sorridere

Diciamolo chiaramente. E’ ovvio che ad un tifoso non possa che far piacere vedere un giocatore avversario di valore - ovvero Kakà -, partire per altri lidi. Se poi se ne andasse anche Pirlo[...]

Ibrahimovic

Diciamolo chiaramente. E’ ovvio che ad un tifoso non possa che far piacere vedere un giocatore avversario di valore - ovvero Kakà -, partire per altri lidi. Se poi se ne andasse anche Pirlo sarebbe pure meglio - ma anche se rimane non è che ci strappiamo i capelli.

Il nodo però è un altro: la Juve ha sempre avuto i conti in ordine, mentre altri sopravvivevano solo grazie alle robuste dosi di capitali che ogni anno il Berlusconi o il Moratti della situazione mettevano sul piatto. Se il primo sembra essersi calmato il secondo continua sempre a ripianare - almeno in parte - passivi record.

Finora. Perché dalle ultime dichiarazioni sembra essersi stufato anche lui, visto che poi rischia di mangiarsi gran parte del patrimonio familiare - i soldi penso che non se li fabbrichi da solo. Negli ultimi giorni dice che qualcuno partirà. Magari, soprattutto se sarà almeno uno tra Ibrahimovic e Maicon.

Comunque non vedo l’ora che Platini stabilisca per tutti regole certe, ovvero basta con i Paperoni che ripianano per anni il passivo delle società. In questo modo si eviterebbe il doping amministrativo. Subdolo ma altrettanto dannoso dell’altro doping.

Ultimi interventi

Vedi tutti