Questo sito contribuisce alla audience di

Risposta a Severgnini: pensate al vostro presente tossico

Noi juventini non ne possiamo più. Un’annata pessima, una dirigenza che l’ex direttore di Tuttosport Giancarlo Padovan ha definito “incompetente e presuntuosa!”… la[...]

Noi juventini non ne possiamo più. Un’annata pessima, una dirigenza che l’ex direttore di Tuttosport Giancarlo Padovan ha definito “incompetente e presuntuosa!”… la sensazione di essere in un tunnel di cui non si vede il fondo.

E infine ci tocca sentire le lezioni di morale degli interisti… Magari anche simpatici - quando non parlano di Inter - come Severgnini. “Leggo e trasecolo: qualcuno vuole paragonare un sistema durato anni — sanzionato dalla giustizia sportiva, condannato dalla giustizia ordinaria”, e più in là “dopo la condanna sportiva, e la condanna con rito abbreviato di Antonio Giraudo per associazione a delinquere finalizzata alla frode sportiva”.

Ci risiamo, si fanno dire ai processi cose che non hanno detto. Per esempio, la condanna sportiva non faceva accenni a cupole, come afferma lo stesso Sandulli, presidente della Corte Federale della FIGC, “In fondo anche noi, nella nostra sentenza evidenziammo soprattutto cattive abitudi­ni, mica illeciti classici. Si doveva far capire che quello che c’era nelle intercettazioni non si fa. E’ stata una condanna etica. Il proces­so penale valuta altre cose”.

E poi come ha detto Zamparini - ovvero il presidente del Palermo, non un ultras della Juve - sulla condanna a Giraudo a tre anni per frode sportiva ed associazione a delinquere: “talvolta queste condanne vengono date per non smentire l’accusa”.

Per convincersene basterebbe ascoltare senza prevenzione quello che sta uscendo dal processo di Napoli: come ho già scritto, nel periodo incriminato, la Juve ha ottenuto una media di 2,63 punti con gli arbitri non indagati, valore che scende a 1,89 se si prendono in considerazione i risultati della Vecchia Signora con gli arbitri indagati. Mai vista un’associazione a delinquere così…

Manco la giustizia ordinaria ha messo in risalto le famose schede svizzere, e quello che resta sono un po’ di telefonate di Moggi, non diverse dal contenuto da quelle dei dirigenti di Inter o Milan. Perché noi siamo andati in serie B?

Severgnini pensi piuttosto al passato e presente tossico dell’Inter: l’attività di spionaggio verosimilmente riconducibile all’Inter, messa in atto tra il 2002 e il 2004, il passaporto falso di Recoba per cui l’Inter aveva violato gli ar­ticoli 2 e 8 del Codice di giusti­zia sportiva e che avrebe dovuto comportare l’applicazione delle pene previste dal comma 1 dell’articolo 13, che vanno dalla penalizzazio­ne all’esclusione dal campio­nato di, ma soprattutto un’esposizione debitoria complessiva per “431,55 milioni di euro”, come racconta il Sole 24 ore. Perché cito questo dato? Andatevi a leggere l’articolo Il bilancio sfondato dell’Inter, e poi forse vi renderete che conto che ci sono alterazioni dei campionati più gravi di quelle che avrebbe fatto Moggi.

Ultimi interventi

Vedi tutti