Questo sito contribuisce alla audience di

I ponti costruiti dai Romani sono ancora in piedi

Un sito spagnolo illustra non solo con foto, ma con calcoli e misurazioni precise le tecniche usate dai Romani per la costruzione di ponti, acquedotti, strade fatte per resistere al tempo e all'usura

Ecco tutti i segreti dell’ingegneria
romana
Cari amici,

grazie alla ennesima segnalazione dell’attivissimo
amico canadese David Meadows, abbiamo la possibilità di visitare un nuovo sito
spagnolo interamente dedicato alla tecnica applicata dai Romani alla costruzione
dei ponti in Spagna. Non è uno dei soliti documentari più o meno ricchi di foto,
accompagnate da frasi celebrative di circostanza e tutto rimane lì, inerte,
mummificato, come una raccolta sul genere delle celebrazioni scolastiche che
servono a dimostrare un interesse che talvolta, si sa, è inesistente o di pura
facciata.

Qui invece ci troviamo di fronte ad una serie di testimonianze sul genio
ingegneristico romano, che ha lasciato tracce di enorme importanza nella Spagna,
per la maggior parte in buone condizioni strutturali, tanto da essere ancora in
opera ed efficienti. Parliamo di ponti, strade, acquedotti, cioè le principali
testimonianze dello spirito pratico romano e relativo efficientismo che non
rimaneva confinato unicamente al settore logistico militare, che pure aveva le
sue esigenze ai fini del controllo regolare e duraturo delle regioni governate.
Qui ci troviamo in un settore, quello delle costruzioni civili, in cui i Romani
non ebbero rivali.