Questo sito contribuisce alla audience di

Le Idi di marzo nella interpretazione di About.com

About.com, il notissimo portale americano, per il quale prestano la loro opera varie guide specializzate in diversi settori, ha anche una valida guida di latino che recentemente ha diffusamente trattato l'argomento "Cesare e le Idi di marzo".








Marzo è per tradizione il mese dedicato a Giulio Cesare ed alla sua tragica morte. Le IDI DI MARZO, data fatale a Cesare, non potevano passare inosservate a N.S. Gill, guida di latino di “About.com”, il portale americano che è diventato un punto di riferimento non solo per chi si interessa di latino, ma per tutta una serie di discipline diverse, quali storia, geografia, psicologia, archeologia, lingue classiche, inglese, spagnolo, italiano ecc.

Per chi non lo sapesse, di recente “About.com” è stato assorbito dal prestigioso quotidiano “New York Times”, grazie alla sua fama di portale di ampio successo, sempre all’avanguardia per gli articoli e gli argomenti trattati dalle sue guide, che da vari anni perseguono un preciso obiettivo: informare ed orientare con una ricchezza di dati davvero unica.

Per celebrare degnamente questa data infausta, la guida di Latino ha predisposto una varietà di riferimenti che indirizzano il lettore con sicurezza sulla vita e l’opera di Cesare, sulle sue opere, sui testi che parlano di Cesare, sui documenti che ci riportano nel vivo dell’epoca in cui il dittatore romano visse. Fra i riferimenti che la Gill ci offre, è significativo il punto di vista dell’astrologo, cioè Anthony Peña, guida di Astrologia di “About.com”.

L’intervento dell’astrologo non è certo fuori luogo, anzi più che opportuno se si tiene presente la data particolare che presso gli antici Romani non godeva una buona fama. E l’astrologo chiamato in causa parte proprio da una frase espressa da un personaggio del “Giulio Cesare” di Shakespeare, un indovino incontrato da Cesare mentre si avvia verso il Senato: “Guardati dalle idi di Marzo!” (atto I, sc. 2)

Il Peña cita uno storico, C. I. S. Thompson, il quale in una sua opera, “The mistery and Romance of Astrology” ( Il mistero ed il romanzo dell’Astrologia), sostiene che l’anonimo indovino della tragedia di Shakespeare era un astrologo romano di nome Spurinna. Secondo il Thompson ( e lo conferma Plutarco) sarebbe avvenuto molto prima della data del 15 marzo che Spurinna aveva dato per primo a Cesare il famoso avvertimento di “guardarsi dalle Idi di marzo”. L’astrologo Spurinna dunque aveva avvertito Cesare che durante le Idi di marzo egli avrebbe corso un grave pericolo.

Secondo il racconto di Plutarco, Cesare in un primo momento aveva preso la saggia decisione di rimanere al sicuro nella sua stanza da letto il 15 di marzo. Tuttavia, l’amico di Cesare, Decimo Albino Bruto (non Marco Bruto), fece di tutto per convincerlo che gli avvertimenti dell’astrologo non erano altro che stupide superstizioni. Quindi Cesare decise di presentarsi in Senato in quella data. Dirigendosi in Senato, Cesare “accidentalmente” si imbattè nell’astrologo; appena lo vide, egli

Sspavaldamente informò Spurinna: “ Le Idi di marzo sono arrivate!” Spurinna rispose, “Sì, sono arrivate, ma non sono ancora passate del tutto.” Più tardi i nemici di Cesare lo avrebbero assassinato nel teatro di Pompeo, ai piedi della statua di Pompeo, dove il Senato era in riunione.