Questo sito contribuisce alla audience di

Seneca, uno dei più noti autori latini in edicola

Un eccellente saggio su Seneca, uno dei più noti autori latini, è in vendita nelle edicole in questi giorni, n° 31 della BIBLIOTECA STORICA abbinato al quotidiano "IL GIORNALE". L'autore, Villy Sorensen, in questo volume traccia non un semplice ritratto, ma una vera propria ricostruzione di uno dei periodi più turbolenti della storia romana dominato dalle figure di Claudio e soprattutto Nerone.

SENECA (parte prima)

Prima precettore, poi consigliere del giovane principe Nerone, Seneca divenne una delle personalità più importanti della Storia. Nemmeno la sua guida riuscì però a controllare la follia che pian piano trasformò il mite Nerone in un sanguinario tiranno. Sospettato di una congiura, nel 65 a.C. venne invitato a suicidarsi ed egli seppe affrontare la morte con quella serenità e quell’equilibrio che lo avevano sempre contraddistinto. Seneca appare “moderno da molti punti di vista: i problemi che si trovò ad affrontare come statista alla corte di Nerone, e di cui scrisse come poeta e filosofo, il confronto tra Realpolitik e gli ideali umani, tra la necessità di impegno politico e il bisogno di autorealizzazione, risultano attuali anche nella società moderna.

Questa la indispensabile premessa ad un lavoro di alto livello scientifico realizzato da uno storico di razza, attraverso 10 capitoli ed un epilogo densi di riferimenti storici ed una analisi precisa, puntuale, con un discorso avvincente, alieno da quei toni di tipo accademico che rappresentano uno dei punti dolenti di molti testi destinati ad un pubblico ristretto di iniziati.

INDICE

I. MITO E FILOSOFIA

II. STORIA E MORALE

III. L’ISTRUZIONE E LA CARRIERA

IV. IL TIRANNO E IL SAGGIO

V. IL LUNGO ESILIO E LA BREVE VITA

VI. SENECA E NERONE

VII. LA POSIZIONE. L’ATTITUDINE. L’AZIONE

VIII. LA NATURA

IX. LA TRAGEDIA

X. NERONE E SENECA

EPILOGO

NOTE

CRONOLOGIA

BIBLIOGRAFIA

OPERE DI SENECA

L’indice dà una idea abbastanza precisa della impostazione dell’opera che, chiaramente, non si rivolge ad un vasto pubblico, ma piuttosto ad un pubblico selezionato di lettori e studiosi con una base alquanto solida. Del resto si presuppone che, chi acquista un testo del genere non sia uno sprovveduto, ma abbia già una discreta conoscenza generale delle linee di sviluppo della Storia Romana.

Avvertenza: In considerazione dell’ampiezza del discorso, rinvio alla seconda parte l’analisi dettagliata del volume.