Questo sito contribuisce alla audience di

NUNTII LATINI critica il colossal TROY

Nonostante la presenza di attori di grido, quali Brad Pitt, Peter O'Toole ed altri, il colossal TROY presenta grossi errori, travisamenti ed altre libertà di interpretazione, che contrastano con il racconto omerico. Le note, ovviamente, sono in latino.

Eccovi un commento in latino sul film TROY del regista Petersen, che ho trovato frugando nell’archivio del sito NUNTII LATINI. Qui vengono messe in risalto non le qualità artistiche del film, distribuito anche in DVD, ma essenzialmente gli errori, taluni grossolani, commessi nella realizzazione di questo grandioso lavoro cinematografico. Senza dubbio chi vede il film rimane impressionato dalla spettacolarità delle scene, fra cui principalmente quella dello sbarco della flotta degli Achei sulle coste della Troade. Il colpo d’occhio è veramente formidabile. E così varie scene di massa sotto le mura di Troia costituiscono un record, senza dubbio, per i mezzi impiegati ed il numero delle comparse. Ma, come dicevo, gli errori e gli arbitri sono evidenti a chi, per poco che ricordi della guerra di Troia, tuttavia sa bene che le cose sono accadute diversamente da come le racconta il film: la morte di Menelao, la morte di Achille, la durata delle operazioni belliche, e tanti altri particolari che peraltro non sono dettagli di poco conto. Ed ecco come vengono descritti, in latino, questi errori, omissioni e travisamenti del racconto omerico.









EmitteMissus: Lun Mai 24, 2004 12:13 pm Thema nuntii: De pellicula “Ilion” (Troy)

Mercurius omnibus s.

Herimannus nuper nuncium in colloquium de pellicula “Passio” institutum misit, ubi pelliculam aliam, cui titulus “Troy” est, acerbissimis verbis haud immerito flagellavit. Cum autem res illa digna mihi visa esset, quae in colloquio separato tractaretur (et cum iam prius colloquium de illo themate incipiendum esse putavissem), lecto eius nuncio nil mora hanc novam gregem colloquialem institui, ut quam plurimi de illa re edocerentur, suasque opiniones de illa explicare possent.
Videamus ergo compendiose, quomodo ille Petersen, director pelliculae, mythologiam antiquam immaculaverit!

- Dei deaeve in pellicula non apparuerunt.
- Menelaos Aiasque prima die obsidionis a Hectore occisi sunt.
- Obsidio tota aliquot septimanis confecta est.
- Achilleus Brisein ab Agamemnone recepit.
- Patroclus non ut Achillei amicus (…), sed tamquam propinquus, i. e. frater patruelis in pellicula demonstratur.
- Achilleus certe in dolo Odyssei clarissimo partem cepit, ac in equo ligneo et ipse se condit: quem errorem, an fraudem vocem?, iam priusquam pelliculam viderem, in mente praesensi.
- Agamemnon in oppugnatione fatali ab Achilleo interfectus est.
-Aeneas in fine pelliculae cum Anchise apparet, non autem tamquam vir fortis ac bellicosus, qui nocte illa fatali in acerrimo proelio cum Graecis manus consereret, sed quasi iuvenis imbecillus, qui per nescioquod antrum secretum cum aliquot Troianis in montem Idae confugit.

Haec sunt, sodales, quae cito ac breviter in mentem revocare ac colligere potui. Plura, si lubet, addant alii. Valete.

Last edited by Mercurius Hungaricus on Mart Mai 25, 2004 7:34 am; edited 1 time in total

Pippinus Aspaasius