Questo sito contribuisce alla audience di

La rivista tedesca online "3sat", propone un servizio sul Latino

"Habemus Latinum" è il titolo di un servizio che la rivista tedesca online "3sat" propone ai suoi lettori germanici. Si tratta di una inchiesta sul latino visto dall'interno della Chiesa cattolica, anzi dal centro della Cattolicità: la Città del Vaticano. Infatti la domanda fondamentale cui cerca di dare una risposta il servizio, con interviste a vari personaggi di spicco nel campo ecclesiastico è la seguente:"...lingua Latina perstat lingua officialis Catholicae Ecclesiae. Agedum quaeramus, quo modo latinitas in ecclesia hodierna se habeat?" Cioè "In che modo si colloca la lingua latina nella Chiesa odierna?"

Habemus Latinum
Kulturzeit extra in lateinischer Sprache: "O Tempora!"

Minima orbis terrae res publica, sed in numero potentissimarum est: Civitas Vaticana. Viculus quingentorum incolarum tamen est caput imperii spiritualis. Multa per saecula fata fidelium a Sancta Sede solum Latine regebantur. Leges, orationes, sermones documentaque plurima exarabantur lingua Latina. Hodie haud pauca etiam Italice, Anglice, Francogallice, Theodisce vulgantur.Tamen lingua Latina perstat lingua officialis Catholicae Ecclesiae. Agedum quaeramus, quo modo latinitas in ecclesia hodierna se habeat?

Perpauci Civitatem Vaticanam tam penitus noverunt quam Andreas Englisch. Qui, cum Ioannis Pauli Secundi et Benedicti Papae vitas enarraverit, non ignorat, quae res et qua lingua intra muros Vaticanos dicantur. Andreas Englisch: "Hem, facetiarum Ioannis Pauli Secundi huius argumenti memini: Synodo Episcoporum convocato omnes, ex omnibus orbis terrae locis congressi, Italice orationes habuerunt - praeter unum, Lettum, qui etiamtum Latine locutus est. Tum Papa: ‘Felix Lithuania, quae linguae Latinae perfugium sis ultimum.

Ernst Grandits: "Etiamnuncne sciunt sacerdotes administríque Vaticani loqui latine?" Andreas Englisch: "Permulti sacerdotes catholici loquuntur Italice, nec omnes. Sunt multae orbis terrae partes, ubi homines Anglice loquuntur, nec omnes. Omnes autem, qui ecclesiam catholicam attingant, discunt linguam Latinam. Vere credo illam linguam omnium gentium futuram esse."

Ephemeris, quae Latine editur et "Latinitas" inscribitur, Reverendo Domino Cleto Pavanetto decori maximo est. Qui ipse recenti in editione cum Pontifice Maximo congressus ostenditur. Non omnes tam bene Latine loqui quam se ipsum et pontificem maximum dolet sacerdos. Sed causas conicit: Argentum in civitate quoque Vaticana pecuniae solvendae automatis exponitur. quibus usuri his verbis benigne excipiuntur: "inserito scidulam quaeso" - "bitte Karte einschieben". De pecunia loqui non decet - nisi Latine.

Nomina huius generis antiqua novis inventionibus tota civitate Vaticana sunt. "Helicopterorum portus" Hubschrauberlandeplatz, "radiophonum" Radio Latine appellatur, atque etiam verbo "Verhütungsmittel" nomen repertum est, apud Plinium maiorem: verbum "Atocium" tradidit. Quod dicere licet, non uti. Et extra muros Vaticanos, Romae, memoria antiquorum temporum multo tardius quam alibi evanescit. Campo in illo, quem "piazza della Trinità dei Pellegrini" vocant, est ecclesia baroca, ubi mos antiquus retinetur.

Forma tridentina, cuius impedimenta anno superiore a Benedicto sublata sunt, ibidem cottidie agitur. Sacerdos Latine loquitur, celebrat unus cum laicis ad orientem versus, ut hi vultum eius non conspiciant. Pater Joseph Kramer, Trinità dei Pellegrini: "Multi, hanc ritus formam repetunt - praesertim iuvenes et clerici et laici." Sunt, qui non approbent formam tridentinam, quae Paulo Sexto pontifice maximo paene sublata est. Metuunt, ne fideles, qui (mystica antiqua conservantes) formam priscam celebrent, missa actuose partecipare vix possint. Quibus de rebus nihil in aede sacra, quam "Trinità dei Pellegrini" vocent, sentiri credit illius ecclesiae sacerdos. Non modo nonnulli ibi vinculo matrimonii iungi Latina lingua utentes volunt, sed etiam baptismata tridentina mox dabuntur Latine.

Ernst Grandits: "Credisne olim in omnibus terris sermonem latinum ecclesiae futurum esse?" Pater Joseph Kramer, Trinità dei Pellegrini: "Est! Praecipue Romae homines ex omnibus orbis terrae partibus congressi missam Latine agunt." Multi Romam perveniunt, sed pauci Latine loquuntur. Quod urbs aeterna aequo animo patitur. Angiportibus suburbanis Latinitas numquam valebit. Quam autem cognoscimus ecclesiae indicium moris maiorum et semper mansuram esse.

COMMENTO

Questo servizio, pubblicato dalla rivista tedesca online 3sat, affronta un tema attuale con grande impegno. In sostanza ci fa sapere qual è in realtà la situazione del latino in particolare nella Città del Vaticano, in cui il papa sin dai primi giorni del suo pontificato ha espresso il desiderio che la lingua latina venga ripristinata in tutte le chiese secondo le vecchie direttive indicate dal Concilio di Trento. In effetti un personaggio di spicco in campo ecclesiastico, Ernst Grandits pone a un suo collega di Roma la domanda:

"Credisne olim in omnibus terris sermonem latinum ecclesiae futurum esse? ", cioè "Credi che un giorno la lingua latina sarà la lingua della Chiesa in tutti i paesi?". E padre Joseph Kramer, parroco della celebre chiesa di Trinità dei Pellegrini a Roma, gli risponde con grande sicurezza:

"Lo è già. Infatti tutti gli uomini riunitisi a Roma in questi giorni provenienti da tutte le parti del mondo celebrano la messa in latino. Purtroppo molti vengono a Roma e pochi parlano il latino. Fatto che la città Eterna tollera con una certa tranquillità, perché nei vicoli della città la latinità non ha mai avuto successo. Sappiamo bene che questa tradizione della Chiesa è piuttosto antica e durerà a lungo." Tuttavia, per quanto riguarda la sua parrocchia di Trinità dei Pellegrini, Padre Kramer dichiara:

" Non modo nonnulli ibi vinculo matrimonii iungi Latina lingua utentes volunt, sed etiam baptismata tridentina mox dabuntur Latine. " Non soltanto alcuni qui desiderano essere uniti nel vincolo del matrimonio con una cerimonia in latino, ma persino i battesimi fra poco saranno celebrati secondo la formula tridentina."

Comunque sono interessanti le considerazioni di vari personaggi della Chiesa cattolica, fra cui Padre Andreas English, che per anni è stato vicino a papa Giovanni Paolo II, per cui conosce molto bene come si parla in Vaticano. Infatti non esita a offrire varie testimonianze significative citando alcuni episodi in cui l’argomento principale è la lingua latina parlata da alcuni ospiti del papa.

AVVERTENZA
Il testo originale tedesco si può leggere all’interno di 3sat cliccando su "IN LINGUA THEODISCA"; inoltre è possibile ascoltare tutto il testo latino letto in diretta, cliccando sulla indicazione "VIDEO".

Altra interessante intervista in latino è quella con Don Cleto Pavanetto, presidente del circolo LATINITAS, fruibile cliccando su VIDEO - Don Cleto. Qui si noterà molto facilmente la diversa pronuncia del lettore e degli intervistatori rispetto a quella degli ecclesiastici intervistati. Infatti è evidente l’uso della cosiddetta "PRONUNCIA CLASSICA o RESTITUTA" e quella ECCLESIASTICA normalmente usata in Italia, sia nelle scuole sia nelle chiese cattoliche. E per finire, in questo sito davvero ricchissimo, oltre alle conversazioni in lingua latina, è possibile assistere in diretta video ad un concerto rap in latino, ISTA RAP, preceduto da un breve commento.