Questo sito contribuisce alla audience di

Fini, Berlusconi e De Filippo

Nella rubrica di EPHEMERIS "Opiniones", si mettono a confronto le opinioni di vari scrittori e giornalisti. Niente di polemico o aggressivo nei confronti di chicchessia. In sostanza una semplice presentazione spiritosa che tende a sdrammatizzare certe situazioni che si vanno presentando con una certa frequenza al vasto pubblico.

fini_reformatio_legum

FINI, BERLUSCONI E DE FILIPPO

EPHEMERIS

OPINIONES

Hic scriptores diversi sententiam suam aperiunt.

——————————————————————————–

Noctem tenebrosam transire necesse est … in Italia
Sic maesto vultu dicere solebat in quadam comoedia, Neapolitano sermone scripta, Eduardus De Philippo, animorum et rerum inopiam significans, quae a secundo orbis terrarum bello allata est. Eadem sententia hoc tempore ad rei publicae condicionem in Italia pertineat.

De factis tantum loquamur: a. d. VIII Idus Nov. Piscariae, in urbe Italica, in quadam contione de iustitiae condicione in Italia, factum est ut Fini, Praeses Legumlatorum coetus, cum quodam magistratu loquens et certum habens sibi neminem aures praebere, de Berlusconi eiusque causis in tribunalibus haec prope verba diceret: “ Velit Berlusconi in aeternum regnare, quasi rex legibus solutus; memor sit de regibus quibus capita amputata sunt. Idem falso censet se, quod a populo rei publicae gubernator creatus sit, omnium rerum immunitate frui posse cum Italia res publica sit non monarchia. Sententias aliorum magistratuum neglegit, vel autem spernit, quasi gubernatoris auctoritatis diminutio sint”

Haec verba gubernatoris Berlusconi relata sunt, imagines verbis mixtae ab omnibus visae sunt. Admodum iratus, quasi taurus qui in vestimentum rubrum impetum facit, violaceo vultu in Fini Praesidem ingratum invectus est, quocum eandem rei publicae factionem ( cui nomen est Libertatis Factio) creaverat (etsi non semper inter se consentiebant); fidelissimos collegit, quibus enuntiavit se non amplius istum intestinum inimicum tolerare posse. Ergo …”Aut mecum aut contra me – inquit - aut intus aut foras”.

Quid sit futurum nemo scire potest. Etsi Italia nostra multis gravibusque quaestionibus vexatur, in re publica his diebus de hac re tam praecipue disputatur.

Hoc tantum dicere possumus, animo volutantes illam Eduardi De Philippo sententiam “Noctem tenebrosam transire necesse est”.

******************

COMMENTO

Un accostamento che qualcuno sicuramente giudicherà “azzardato, provocatorio, di cattivo gusto” e così via, secondo il consueto comportamento di certa parte politica. Ma, chi conosce EPHEMERIS, sa bene che il notiziario latino è sempre stato corretto e misurato nei giudizi, di parte mai.
Qui, in questo servizio, si è voluto semplicemente mettere in risalto certi aspetti teatrali dei nostri politici in questi ultimi tempi. Non a caso in parecchi giornali italiani, di destra e di sinistra, a parte la televisione, si parla continuamente di “teatrino della politica” per le vicende che vanno dal piccante, all’erotico, dal gattopardesco all’inciucio” cui il popolo italiano assiste.
Da notare il pensiero di Fini, presidente della Camera, sui recenti atteggiamenti di Berlusconi, che viene paragonato ad un piccolo monarca.