Questo sito contribuisce alla audience di

Decretum religiosum (Fatwa) ad diruendam doctrinam terroris Islamici

Decretum religiosum (Fatwa) ad diruendam doctrinam terroris Islamici è il titolo del servizio pubblicato sul numero di EPHEMERIS di oggi, 23 marzo 2010. Il servizio illustra le novità introdotte da un decreto del genere, e soprattutto sulle conseguenze che potrà avere in futuro. In sostanza il mondo islamico non può rimanere impassibile, inerte di fronte ai numerosi casi di attentati terroristici di matrice islamica che il Corano non ammette assolutamente, partendo dal presupposto che la vita umana è sacra.

Mecca

Decretum religiosum (Fatwa) ad diruendam doctrinam terroris Islamici

Tahir ul-Qadri, societatis gentium Minhaj-ul-Quran auctor et princeps, die secundo mensis Martii Londinii decretum religiosum (fatwa) sescentis paginis in publicum notum fecit ad diruendam doctrinam globorum hominum saevorum ed seditiosorum. Tahir ul-Qadri, a fontibus Islamicae Religionis hauriens, ausus est se opponere exitialibus praeceptis doctrinae terroris Islamici, ad eripiendam ab ea omnem postulationem religiosam: in nomine Islamicae Religionis sive in nomine Dei, quomodocumque appelletur, Allah dive Deus, nemo potest postulare ut recte et bene faciat per scelera et violentiam. Deus non potest confundi violentia.

Eius decretum (fatwa, quod in arabica lingua classica declarat genus legis religiosae) non fuit unica delatio, ipse dixit enim partem maiorem praeceptorum religiosorum reprehendere doctrinam hominum saevorum et seditiosorum sed has damnationes solum esse fictas. Ipse addit neminem numquam responsum dedisse nullis ambagibus illi doctrinae terroris specie religiosi decreti.

Eius societas gentium Minhaj-ul-Quran aperte declaravit orbi terrarum per religiosam legem ut hominibus seditiosis nihil cum Islamica Religione commune esse, quia illa est pacifica neque solum condemnat sed etiam non sinit ullum genus doctrinae terroris.Hoc decretum (fatwa) est opus magni momenti: id possit esse tamquam oleum et operam perdere vel potius possit esse principium novi cursus cogitationum et actionum. Decretum sescentis paginis possit accendere disceptationem ad pacem et humanitatem excitantem in praeceptoribus et peritis Islamicae Religionis.

Fontes: situs interretialis societatis Minhaj-ul-Quran International http://www.minhaj.org/english/index.html

situs interretialis nuntii Asianews: http://www.asianews.it/notizie-it/Una-Fatwa-contro-le-giustificazioni-religiose-del-terrorismo-islamico-17840.html

situs interretialis nuntii BBC: http://news.bbc.co.uk/2/hi/uk_news/8544531.stm

Scripsit Iacobus A. Caesenatis - 23/03/2010

********************

COMMENTO

Si tratta di un decreto profondamente meditato con una impostazione davvero rivoluzionaria per essere stato elaborato da un capo religioso riconosciuto e apprezzato da tutti i musulmani.
Vi traduco il paragrafo iniziale del servizio di EPHEMERIS giusto per dare una mano a coloro che non hanno molta dimestichezza con la lingua di Cicerone, che pure è adatta agli usi più larghi, in tutti i settori della cultura e della comunicazione.

Thair ul-Qadri, fondatore e capo della società delle popolazioni Minhaj-ul-Quran, il 2 marzo scorso ha reso pubblico a Londra un decreto religioso (FATWA) di seicento pagine che mira ad abbattere la dottrina praticata da uomini malvagi e rivoluzionari. Tahir-ul-Qadri, rifacendosi alle fonti della religione Islamica, ha avuto il coraggio di opporsi ai dannosi precetti della dottrina del terrore islamico, con lo scopo di eliminare da essa ogni presupposto religioso: nel nome della Religione Islamica ovvero nel nome di Dio, comunque lo si chiami, Allah o Dio, nessuno può presupporre che si agisca rettamente e si faccia del bene per mezzo dei delitti e della violenza. Dio non può essere confuso con la violenza.