Questo sito contribuisce alla audience di

...Ne quid detrimenti discipuli capiant

Ne quid detrimenti discipuli capiant, è il titolo del servizio di EPHEMERIS relativo al recente episodio che ha coinvolto la piccola comunità di Adro. L'episodio ha avuto ampio risalto sulle pagine dei giornali e persino in televisione, nell'ultima puntata di "ANNO ZERO". I bambini, o meglio i genitori degli scolari di una scuola elementare sono stati invitati a pagare urgentemente i contributi per la refezione scolastica, pena la sospensione del servizio. Fortunatamente è intervenuto un privato che ha versato un contributo volontario di 10.000 € per impedire che l'amministrazione mettesse in atto la minaccia di sospensione, che avrebbe penalizzato i bambini più disagiati economicamente.

discipuli

… ne quid detrimenti discipuli capiant

Aliorum poenas aliquando discipuli solvunt. Qui sunt alii? Breviter facta.

In nonnullis septentrionalis Italiae urbibus, ab utraque parte politica rectis (sed plerumque a dextera parte) discipuli sunt qui mensa communi et raeda orbantur. Quare? Quod parentes pecuniam debitam non conferunt: sunt qui simulant se conferre non posse, sunt autem qui conferre non possunt.

Singulare factum in urbe Adro (in Longobardia posita) evenit. Beneficus homo quidam urbis praefecto epistulam scripsit, in qua haec in summo adfirmavit: “Pro insolventi bus pecuniam debitam conferam (decem milia euro), etsi novi nonnullos discipulorum parentes haud bene se gerere. Dexterae parti suffragium tuli, communista pro certo non sum. Pauper fui et honestus. Cum dives factus sim, eos iuvare volo, qui non possunt pecuniam conferre; hi nobuscum vivunt, in domibus nostris senibus provident. Intolerantia in dies augescit in eos, qui aliter ac nos sentiunt, qui externi sunt, etsi muneribus variis pro nobis funguntur. Eorum liberi posteris diebus, voluntate vecti et studiis completis, fortasse medici, vel negotiorum conductores, vel operari … fient (dum plerique liberi nostri inanitates insequuntur); hoc pro beneficio meo praemium erit.

Estne Christianorum haec ratio operandi ? Cur tacent sacerdotes ? Cur tacent qui saepe de amore in re publica loquuntur ? Nostrae pristinae paupertatis memoriam repetamus ! Intolerantia in diversos parvis gradibus primum incedit, deinde, ineunte tempore, monstra creat (sumusne Hitler obliti ?).

In nostris urbibus multi sunt cives qui, cum ditissimi facti sint (saepe non recte agentes), admodum intolerantes sunt atque legis severitatem invocant, quam ipsi non servaverunt. Pueri, qui mensa hoc tempore orbantur, posthac intolerantiae acceptae memores, odium in nos nostrosque liberos concipient. Estne haec societas in qua vivere optamus ? »

Constat omnia municipia re pecuniaria laborare; constat nonnullos cives, cum possint, pecuniam non conferre; constat quoque nonnullos cives, cum sine operi bus sint, non posse pecuniam conferre. Quoquo modo res se habent (haec est opinio mea), urbium praefectorum est de parentium condicionibus investigare, facere ut pecuniam conferant qui possint, avariis institutionibus auxilium petere (familias, paroecias, bonae voluntatis cives, omnes denique qui aliquid iuvare possunt), ut

Magister bene novit discipulorum animos: discere et bene se habere (corpore et mente) simul sunt. Qui intolerantia et odio puer afficitur, intolerantia et odio ceteros afficiet.

*****************

COMMENTO

Questa volta EPHEMERIS si è occupato di una vicenda che ha suscitato molto scalpore, quella degli scolari di una scuola elementare, ovvero dei loro genitori minacciati dalle autorità locali di un provvedimento a loro carico che prevede la sospensione del servizio di refezione ai figli dei morosi nel pagamento dei contributi.

Perché i bambini devono subire le conseguenze di provvedimenti a carico dei loro genitori? Perché proprio gli elementi più deboli della società devono essere sottoposti a queste ritorsioni crudeli?
Una situazione, purtroppo, abbastanza frequente e ricorrente in tutto il nostro pianeta, di cui si fa portavoce l’autore del servizio con il riferimento diretto ad una antica formula legale del diritto Romano, “NE QUID DETRIMENTI RES PUBLICA CAPIAT”, in cui il soggetto Res Publica, ovvero lo Stato, è stato sostituito dal soggetto DISCIPULI, ossia gli scolari.

O tempora, o mores…

Scripsit Dominicus Caveosanus - 19/04/2010 20h51