Questo sito contribuisce alla audience di

Studenti universitari vivono come gli antichi gladiatori Romani

Un notiziario locale della Germania ci mette al corrente di una iniziativa presa da un gruppo di studenti universitari di Regensburg. In breve, essi intendono rivivere l'emozione e l'esperienza degli antichi gladiatori Romani. E' una esperienza alquanto dura e difficile, ma essi non vi rinunciano. Che ne direbbero se fosse affidata loro una impresa del genere, i "bamboccioni" nostrani?

gladiatori in costume

STUDENTI UNIVERSITARI AFFRONTANO UNA DIFFICILE PROVA IN GERMANIA: VIVERE COME GLI ANTICHI GLADIATORI

Qualche giorno fa dalla Germania è stato pubblicato su una rivista locale un reportage relativo a una esperienza singolare che sta vivendo un gruppo di 20 studenti della università di Regensburg: allenarsi a vivere come gli antichi gladiatori Romani. Una esperienza certamente alquanto dura che impone sacrifici e prove non alla portata di tutti. Ebbene, pare che sotto la guida di un istruttore molto determinato e capace i risultati siano eccezionali.

“Noi sappiamo poco intorno ai gladiatori”, afferma un docente di storia, Joseph Lofttl,” considerato che esistono miti e dicerie a non finire al riguardo.” Lofttl e alcuni suoi colleghi intendono scoprire il prossimo mese di agosto se è davvero possibile addestrare i giovani moderni al genere di vita che conducevano gli antichi gladiatori seguendo l’esempio dei Romani.

Gli studenti pronti alla dura prova, studiano tutti varie discipline presso l’università di regensburg, e non intendono mangiare pizza, hamburger o bistecche durante il loro addestramento. Piuttosto essi avranno bacche e fagioli bianchi nei loro piatti come un antico Romano, come il Dr. Galen raccomanda nei suoi testi.

Essi impareranno anche a combattere indossando elmi di bronzo che pesano circa 5 chilogrammi in un campo che non ammette ornamenti, docce o lavatrici.

“Per me il cambio è benvenuto dopo essere stato seduto per ore di fronte a un computer,” ha dichiarato un atletico studente di Archeologia, Martin Schreiner.” Egli ed altri studenti si stanno già allenando per alcuni giorni della settimana. Seguendo l’addestramento nel campo estivo il gruppo ha in programma di mettersi alla prova nell’antico campo Romano di Carnuntum in Austria.

“Riteniamo che questi giovani impegnati nell’addestramento supereranno la prova molto bene,” ha dichiarato il prof. Lofttl.

Regensburg, per la cronaca, era una importante piazzaforte Romana lungo il fiume Danubio, e alcuni storici dell’università hanno già portato avanti degli esperimenti analoghi in passato. Nel 2004 degli gli studenti costruirono una galleria lungo le rive del fiume, mentre altri vissero come i legionari Romani sulle Alpi.

Da sottolineare che il progetto dell’anno in corso è stato finanziato con una somma di 200.000 € dall’uomo di affari Hans Schaller, il cui hobby è quello di ricreare gli eventi storici e partecipare come il personaggio Brutalus Maximus.

Per finire, sarebbe interessante leggere i commenti che sono stati pubblicati in seguito all’articolo relativo all’addestramento degli studenti. Ne riporto soltanto alcuni, giusto come campioni:

1. Ci saranno anche delle orgie?
2. Bacche, fagioli, sudore e niente docce. Che ore piacevoli!
3. Sono più che certo che essi non gradiranno tutti gli aspetti della vita da gladiatore…anche se essi hanno voluto provarla!
4. Spero che essi renderanno conto quanto fosse meschino in passato osservare gli uomini mentre si uccidevano l’un l’altro per divertire gli spettatori. I gladiatori erano Romani liberi o schiavi? Essi uccidendo, mutilando, combattendosi tra loro per divertimento, per denaro, o soltanto per evitare la tortura e vivere ancora un giorno. I Romani come acquistavano quei gladiatori?
5. To ciò comporterà un revival di quei “giochi”?

*****************
studenti gladiatori
NOTA BENE

Se si seguono certi incontri abbastanza movimentati, come quelli di baseball, forse si avrà un’idea della violenza degli scontri tra gladiatori. Non è che poi ci sia una grande differenza fra passato e presente, se si pensa al sangue che molto spesso insanguina gli stadi.