Questo sito contribuisce alla audience di

E quindi uscimmo a riveder le stelle

L'uscita dei minatori in Cile dal fondo della miniera dopo oltre due mesi di permanenza nelle viscere della terra ha fatto ripensare ai famosi versi di Dante con cui conclude il suo viaggio nel canto XXXIV dell'Inferno: "E quindi uscimmo a riveder le stelle". Un'esperienza realmente vissuta che è stata anticipata 7 secoli fa dalla fantasia di un poeta. Straordinaria davvero!

FINIS FELIX CALAMITATIS FODINARIAE IN CHILIA

Omnes 33 ascendimus ad superficiem et valemus

minatori cileHora vicesima secunda (hora Chiliensi) omnes fodinarii qui dies 70 sub terra permanserant singuli sunt per tubulationem 622 metrorum, capsula "Phoenix" nuncupata, in superficiem ascensi; ibi exspectabant Praeses Reipublicae Sebastianus (Sebastián) Pinera, ministri statales, eorum uxores et cognati, alii fodinarii atque magna diurnariorum turma, qui ex plus quam 70 nationibus advenerunt patientes 30 gradus caloris diurni et vehemens frigus nocturnum; magnoque gaudio singulos egredientes amplexabantur omnes; non solum mulieres sed etiam viri permoti lacrimas effundebant; quidam iocularis ex liberatis munera Praesidi, uxori, sodalibusque attulit: lapides ex fovea, quae aureae esse dicebantur; ex 33 fodinariis unus est Bolivianus, Carolus (Carlos) Mamani, cui Praeses Evus (Evo) Morales ex Bolivia iter fecit congratulaturus.

De tanta re tantoque opere quaedam possunt specialiter referri.

-Chilia in quodam animo unitatis his diebus versata est, primum quod calamitas magna lugenda 70 dies abhinc evenit, dein quod fodinarii vivi se nuntiarunt, denique quod omnes cives una cum diurnariis et totius mundi televisoribus concordes et unanimi fodinarios redemptos et salvos magno gaudio receperunt;

-Technicorum auxiliariorumque manipulus multa coordinatione et diligentia usus est, ut sine ullo periculum et damno fodinarii rebus adversissimis liberati sint; Praeses Pinera magni fecit horum laborem eosque palam laudavit;

-Res fodinariis privatae gaudio commixtae in publicum eruperunt: vel nata, quam uxor cuiusdam fodinarii nuper peperit cui nomen Spes (Esperanza) indictum est; vel uxor alius quae noluit metalla adire virum exspectatura, quia fodinarius alteram quoque mulierem habebat, quae ibi etiam exspectatura erat; vel fodinarius qui post aliquot annos una cum femina convivebat, et ab inferis ex ea matrimonium petivit;

cile_minatori salvi

-Numquam est tam male Chiliensibus qui laetum animum amiserint; itaque ad nuntium quod de se ad superficiem post dies 17 fodinarii inclusi miserunt, aliqua verba ­ut quidam suspiciati sunt- erant addenda: omnes 32 sumus in refugio et valemus: Boliviano vescimur.

*****************

COMMENTO

Grazie alla moderna tecnologia 33 uomini sono stati salvati dalle viscere della terra dopo oltre due mesi di permanenza nel sottosuolo di una miniera. Tutti salvi, dunque, e in buone condizioni fisiche, nonostante le condizioni ambientali non fossero ideali per una permanenza così lunga. EPHEMERIS ci presenta un resoconto in Latino con tutti i dettagli più importanti dell’operazione.
Ma non si può fare a meno di ricordare i famosi versi con i quali Dante, 7 secoli fa, concludeva la prima cantica del suo poema, che sembrano la cronaca in diretta di ciò che milioni di spettatori hanno visto in televisione . Incredibile quanto la fantasia di un poeta possa anticipare nel tempo ciò che sarebbe accaduto ai nostri giorni.

“Salimmo sù, ei primo e io secondo
tanto ch’i vidi delle cose belle
che porta il ciel, per un pertugio tondo.
E quindi uscimmo a riveder le stelle.

Inferno, canto XXXIV, vv. 136-139

Scripsit Paulus Kangiser - 14/10/2010 10h26