Questo sito contribuisce alla audience di

I tesori della Lucania

I tesori dei villaggi Lucani sono esposti e illustrati in un servizio di EPHEMERIS, in lingua latina ovviamente. Come si vede EPHEMERIS non esita a dare vita e voce anche ad argomenti di carattere geografico, ma che ben si inseriscono nel contesto culturale di SuperEva.

I TESORI DELLA LUCANIA

LUCANIAE VICORUM THESAURI

Pulcherrima rustica gemma, id est casa rustica, XVIII saec. aedificata, "Zétema societate" auctore nuper in pristinam condicionem restituta est. Zétema, publicis et privatis opibus, curat res antiquas in Lucania reficiendas. Casa rustica, de qua loquimur, a pastoribus adhibebatur qui a litoribus ad montes transibant itinera per rura facientes. Hac in casa unum vel duos dies commorabantur et sibi quietem dabant. Circum casam in saepto grex quoque quiescebat. Ex tribus partibus haec constat : cubiculo, stabulo et foco. In cubiculo (ex quo tholus rotundus extat) pastores quiescebant, in stabulo (rectiangula forma) asini, muli vel equi, in foco (ex quo caminus altus et inusitata forma extat) casei varii generis ferebantur ; e pastoribus erat qui in casa manebat caseos venditurus villicis qui a proximis locis concurrebant.

Ager, ubi casa extat, olim Monti Caveosi (italice Montescaglioso) Abbatiae possessio fuit,, cui consuetudo cum proximis Orientis partibus fuerat. Ex quo intellegi possunt inusitata camini forma et rotundus tholus, quare haec casa parvo templo mahometano turrito similis videtur. Napoleonis legibus vigentibus casa Abatiae adempta est; postea, Italia una facta, privati civis propria fuit.

http://www.sassiland.com/notizie_matera/notizia.asp?id=5383&t=inaugurazione_del_%22casone_della_murgia%22dipinti
Imagines casae: pars exterior et pars interior

Admodum pretiosa opera arte facta putatur quae "Peccati Innati Crypta" ab artis peritis appellata est. Anno MDCCCCLXIII detecta prope Matheolam (ital. Matera), ab eadem Zétema, nonnullarum argentariarum opibus, refecta est. In cryptae parietibus, in saxo effossae, magnificae picturae (VIII-IX saec.) abundant, quae Biblia picta pro villicis fidelibus esse videntur. Plurimi visitatores, praeter artis peritos, hanc Lucaniae partem (cui Murgia nomen est, inter Lucaniam et Apuliam posita) adveniunt, ubi saxeae cryptae pretiosis figuris pictis praeditae abundant

 http://www.archart.it/archart/italia/Basilicata/Matera%20-%20cripta%20del%20Peccato%20Originale/foto-MateraCrPOr001.html
Imagines cryptae: aditus et pars interior

casa interni

**************

COMMENTO

La Lucania è una regione ricca di risorse naturalistiche e quindi di attrattive turistiche di prim’ordine. Ma oltre le bellezze dei suoi boschi, delle verdi colline e dell’imponente presenza del Pollino, la Lucania ha anche numerose testimonianze storico-archeologiche di interesse non solo italiano, ma anche mondiale. Tanto per citare un esempio, fra i tanti, Matera, la cosiddetta città “dei sassi”, ovvero quelle caratteristiche grotte che ne punteggiano come un delizioso ricamo la sua parte più antica, è una città davvero unica.

Stranamente di questa regione italiana si parla ben poco, e invece merita una maggiore attenzione da parte soprattutto degli Italiani, attratti magari da paesi stranieri molto lontani, che in fondo non sono poi tanto più interessanti e ricchi di bellezze della nostra Lucania.

Se ne è accorto di recente il noto notiziario in lingua latina EPHEMERIS, il quale ha dedicato un bel servizio a questa regione, descrivendone gli aspetti storici, archeologici e artistici di maggiore interesse. E’ sicuramente una regione che merita questa attenzione per tanti e tanti motivi. E il servizio di EPHEMERIS ce li presenta con garbo e grande competenza. Ve lo dice uno che ha visitato la regione in lungo e in largo per anni, per motivi di lavoro, conservandone un ricordo quanto mai dolcissimo, davvero indelebile.

Scripsit Dominicus Gallipoli