Questo sito contribuisce alla audience di

Apollo arciere, un bronzo di pregevole fattura ha ritrovato la sua forma originaria dopo un accurato restauro

Un antico bronzo che raffigura Apollo con l'arco ora è in prestito al Museo Getty, grazie alla collaborazione con il Museo Nazionale Archeologico di Napoli. La storia di questo esemplare davvero unico per la grandezza, è molto significativa per gli eccezionali risultati ottenuti grazie alle modernissime tecniche di restauro che hanno consentito di ridare vita e valore ad un insieme di frammenti sparsi su un'area abbastanza estesa del terreno di Pompei. Le foto allegate danno un'idea molto precisa dei risultati ottenuti che possono considerarsi eccezionali. Interessante anche una radiografia che consente di valutare tutte le fasi del restauro cui il bronzo è stato sottoposto già in passato.

Apollo_bronzo restaurato

Recuperato un gioiello dell’arte romana antica
Premessa.

Grazie alla collaborazione del collega David Meadows che mi ha inviato tutto il materiale da Toronto, in lingua inglese, vi presento la storia davvero interessante di questa statua bronzea, recuperata casualmente quasi due secoli fa a Pompei, e sottoposta ad un paziente lavoro di recupero durato vari decenni. I risultati sono visibili attraverso le immagini allegate che testimoniano l’alto grado di perfezione raggiunto dai restauratori italiani e americani, grazie anche - è bene sottolinearlo - alle tecniche sofisticate cui essi oggigiorno possono fare ricorso. Il testo dell’articolo è in sostanza una lezione pratica di archeologia che dovrebbe essere fatta conoscere ad un vasto pubblico, a cominciare da quello scolastico. E’ per me un vero piacere tradurre l’articolo per gli appassionati di archeologia romana, certo di fare un lavoro utile e apprezzato, anche se svolto gratis et amore dei, come è ormai una mia vecchia e consolidata tradizione.

TESTO ORIGINALE

Apollo Saettante at the Getty

Posted: December 20, 2010 by rogueclassicist in Exhibitions
0
Today I was sent a Getty Press Release of interest:
After eighteen months of analysis, conservation, and re-stabilization, the bronze statue of Apollo Saettante (Apollo as an Archer) from Pompeii will go on view at the Getty Villa from March 2 to September 12, 2011 in the exhibition Apollo from Pompeii: Investigating an Ancient Bronze. Providing a behind-the-scenes look at this rare treasure, the special six-month exhibition presents the results of the first full study of this ancient sculpture.

Originally located in the Temple of Apollo in Pompeii, the Apollo Saettante was discovered in fragments centuries after it was buried by the eruption of Mt. Vesuvius in AD 79. The bulk of the figure was unearthed in June 1817 just north of the Forum. A year later, in October 1818, veteran soldiers hunting a fox near the ancient city walls stumbled across some of the statue’s still-missing parts. The Apollo was one of the first major bronzes to be found at Pompeii, and was subsequently reassembled and displayed in the Real Museo Borbonico in Naples.

The conservation of the Apollo Saettante at the Getty Villa is the result of an important collaboration between the J. Paul Getty Museum and the Museo Archeologico Nazionale in Naples, as part of a broad cultural exchange agreement made in 2007 between the Italian Ministry of Culture and the Getty Museum. This exhibition marks the Apollo Saettante’s first showing in the United States, and complements the Villa’s collection of ancient works from Greece, Rome, and Etruria. Following its exhibition in Los Angeles, the statue will be returned to Naples, where the Getty’s conservation efforts will ensure its stability for generations.

The Apollo Saettante arrived in Los Angeles on loan for study and conservation treatment in 2009, together with the Statue of an Ephebe (Youth) as a Lampbearer, which is currently on view in the Basilica at the Getty Villa.
“This project has provided us an unprecedented opportunity,” said Erik Risser, an assistant conservator of antiquities at the J. Paul Getty Museum and co-curator of the exhibition. “Large bronzes rarely survive from antiquity, and the chance to conduct a thorough investigation into the Apollo Saettante has brought to light its rich and complex history.”

A variety of approaches, including archival research, X-radiography, ultra-violet photography, and endoscopic examination, have provided important new information regarding both the techniques used to make the statue in antiquity, and also the methods used to restore it in the nineteenth century. The investigations extended to analyses of the metal alloy composition, the pigments on the surface, and even of the types of bolts used in the re-assembly, all to answer questions about previous restoration efforts.

Apollo from Pompeii: Investigating an Ancient Bronze presents the results of these investigations, displaying art-historical, technical, and scientific evidence side by side in order to demonstrate the range of methods used during the study of the statue at the Getty Villa. Special features include the discovery of a large void in the statue’s back, which indicates that the method of its ancient manufacture was highly unusual, and the identification of two different phases of restoration. An interactive touch-screen display in the exhibition will provide visitors with the opportunity to explore the statue. This interactive feature will also be available on the Web at www.getty.edu.

Alongside select examples of ancient bronze sculpture from the Getty Museum’s Antiquities collection and a series of archival drawings and documents from the Getty Research Institute, the exhibition will also feature a bronze statue of Artemis, the sister piece to the Apollo Saettante. The two faced one another in the Temple of Apollo at Pompeii, and the inclusion of the Artemis, also on loan from the Museo Archeologico Nazionale in Naples, will provide a unique opportunity to develop and extend the discoveries that have been made in examining the Apollo.

This exhibition follows a series of Getty Villa exhibitions devoted to restoration and conservation, including The Hope Hygeia: Restoring a Statue’s History (2008), Fragment to Vase: Approaches to Ceramic Restoration (2008-2009), and Reconstructing Identity: A Statue of a God from Dresden (2009-2010), as well as early excavations in the Bay of Naples (The Herculaneum Women and the Origins of Archeology, 2007).

The exhibition is also one in a series of Italian collaborations that have brought important works of art to the Getty Museum, beginning in June 2009 with the display of the Chimaera of Arezzo in partnership with the Museo Archeologico Nazionale in Florence. The Getty also has long-term agreements with the Museo Archeologico Nazionale in Naples, and the Sicilian Ministry of Culture and Sicilian Identity, for exhibitions over the coming years.

Apollo from Pompeii: Investigating an Ancient Bronze is presented in collaboration with the Museo Archeologico Nazionale, Naples. It is curated by the Getty Museum’s Erik Risser, assistant conservator of antiquities, and David Saunders, assistant curator of antiquities. This exhibition runs concurrently with In Search of Biblical Lands: From Jerusalem to Jordan in Nineteenth-century Photography, March 2—September 12, 2011 at the Getty Villa.

Here are a couple of photos of interest:
Apollo_bronzo restaurato
Apollo as an Archer (The Apollo Saettante), Roman, 100 B.C.—before A.D. 79. Courtesy of the Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei.

The xray version is really neat:
apollo_raggix
2009 X-ray of Apollo as an Archer (The Apollo Saettante), Roman, 100 B.C.—before A.D. 79. Courtesy of the Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei.

*****************


TRADUZIONE

Apollo con l’arco al Museo Getty
Oggi, 20 dicembre 2010, mi è stata inviata dal Getty una conferenza stampa di grande interesse (David Meadows)

Dopo 18 mesi di analisi, di applicazioni atte alla conservazione e alla stabilizzazione, la statua di bronzo di Apollo con l’Arco proveniente da Pompei sarà esposta alla Villa Getty dal 2 marzo al 12 settembre 2011, studiando un bronzo antico, fornendo un retroscena per questo tesoro raro, la speciale mostra di sei mesi presenta i risultati del primo studio completo di una scultura antica.

Collocato in origine nel tempio di Apollo di Pompei, l’Apollo Saettante fu scoperto ridotto in frammenti dopo parecchi secoli dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. L’impronta dell’immagine fu ritrovata nel giugno del 1817 a nord del Foro. Un anno dopo, nell’ottobre 1818, alcuni soldati che andavano a caccia presso le mura della città antica si imbatterono casualmente in alcuni frammenti della statua ancora mancanti. L’Apollo era uno dei primi bronzi importanti trovati a Pompei, e in seguito ricostruito in esposizione nel Museo Reale Borbonico di Napoli.

La fase conservativa dell’Apollo a Villa Getty è il risultato di una importante collaborazione fra il Museo J. Paul getty e il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, come parte di un ampio scambio culturale a seguito di un accordo stipulato nel 2007 fra il Ministro italiano dei Bewni Culturali e il Museo Getty. Questa esposizione segna la prima assoluta per l’Apollo negli Stati Uniti, come complemento della collezione di opere antiche di Grecia, Roma, ed Etruria. A conclusione della mostra in Los Angeles, la statua ritornerà a Napoli, dove tutta l’applicazione degli strumenti conservativi del Getty assicurerà la sua stabilità per generazioni.

L’Apollo è arrivato a Los Angeles a titolo di prestito a scopo di studio e trattamento a titolo conservativo, insieme alla statua di un giovane Efebo con lampada attualmente esposto nella Basilica di Villa Getty.

“Questo progetto ha fornito una opportunità senza precedenti,” ha dichiarato Erik Risser, assistente conservatore per le antichità del J. Paul Getty Museum e co-curatore della mostra. “I bronzi molto grandi di rado sono sopravvissuti all’antichità, e l’occasione di portare avanti una ampia indagine sull’Apollo ha messo in luce la sua ricca e complessa storia.”

Una varietà di approcci, incluso la ricerca di archivio, radiografia X, foto all’ultravioletto ed esame endoscopico hanno fornito importanti informazioni riguardanti sia le tecniche adoperate nell’antichità per creare la statua, sia i metodi adoperati per restaurarla nel 19° secolo. Le ricerche estese nelle analisi della composizione della lega metallica, i pigmenti sulla superficie, e persino i tipi di perni adoperati per il riassemblaggio, tutto ciò per rispondere alle domande sui precedenti tentativi di restauro.

L’Apollo di Pompei: analizzando un Bronzo Antico significa presentare i risultati di queste ricerche, evidenziando la documentazione dal punto di vista della storia dell’arte, tecnico e scientifico fianco a fianco al fine di dimostrare la gamma di metodi adoperati nel corso dello studio della statua nella Villa Getty. Le caratteristiche speciali comprendono la scoperta di un ampio vuoto nel dorso della statua, il che indica che il metodo della sua manifattura antica era del tutto insolito, oltre a identificare due fasi differenti di restauro. Uno schermo a tocco interattivo nella esposizione fornirà ai visitatorila possibilità di esplorare la statua. Tale caratteristica interattiva sarà disponibile anche sul Web al sito www.getty.edu.

Insieme ad una scelta di esemplari di antiche sculture di bronzo provenienti dalla collezione delle antichità del Getty Museum, e a tutta una serie di progetti di archivio e vari documenti del Getty Research Institute, la mostra metterà in evidenza anche una statua di bronzo di Artemide, sorella dell’Apollo Saettante. Entrambe erano collocate l’una di fronte all’altra nel Tempio di Apollo di Pompei, e l’inclusione di Artemide, anch’essa prestito del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, fornirà una occasione davvero unica di sviluppare ed estendere le scoperte che sono state fatte esaminando l’Apollo.

Seguono vari dettagli relativi a mostre di pezzi antichi di varia origine e provenienza. Chiudono la rassegna due foto, di cui una presenta l’Apollo Romano del 100 a. C., l’altra lo stesso Apollo in versione a raggi-X, il cui interno è di una nitidezza eccezionale.