Questo sito contribuisce alla audience di

Israeles novum bellum parant?

Israeles novum bellum parant? E' il titolo di un servizio pubblicato di recente da EPHEMERIS circa i preparativi di una possibile nuova guerra condotta da Israele contro il vicino Libano a causa delle continue provocazioni subite in questi ultimi tempi. La foto,per esempio, ritrae un gruppo di soldati Irsaeliani che piangono la morte di un loro commilitone ucciso lo scorso dicembre. La tensione, in effetti, è abbastanza alta, soprattutto nella zona di confine fra i due stati già al centro di scontri sanguinosi in passato.

Israeles bellum novum parant

„Si vis pacem, para bellum.“ Secundum hanc sententiam Israeles et bellatores partium Hisbollah agere videntur, si respicis, quantam operam utraque pars bello novo parando insumpserit. Schiitae copiam armorum, quam habuissent bello Libanensi novissimo, interim multiplicavisse dicuntur.

Saad Hariri, primus minister Libanensis, monuit, ne novum bellum regioni perniciei esset. Hoc si fieret, regimen Libanense, cui a civitatibus occidentalibus faveretur, interiturum. Ex litteris Americanis in pagina interretiali “WikiLeaks” publicatis apparet Haririum timere, ne partes moderatae, quae a Civitatibus Unitis et a Saudiarabia adiuventur, maximum detrimentum capiant, si Israeles denuo partes Hisbollah excidere conati sint.

Gabi Ashkenazi , qui exercitui Israeliano praeest, dixisse fore, ut Israeles a nulla vi se abstinerent, etiamsi locis frequentissimis pugnaretur. Iam anno MMIX se in exercitu“bellum magnum” paravisse.

Quadriennio ante Israeles duobus militibus abductis Libanum vehementer aggressi sunt. Multo post corpora eorum cum captivis Libanensibus permutati sunt. Eo bello Israeles neque id, quod sibi proposuerant, assecuti sunt et cladem inopinatam acceperunt multis militibus civibusque amissis. Contra Hassan Nasrallah, dux Hisbollah, concessit se, si scivisset, quam vehementer Israeles aggressuri essent, illos milites abduci non iussurum fuisse.

Amos Yadlin, qui officio militari exploratoribus arcendis praeerat, pro certo habet bellum proximum multo maius fore, in quo numerus mortuorum et vulneratorum multo maior sit quam bello priore.

Officia secreta Israeliana accuratissime res observant, quae in Libano geruntur. Hoc biennio ibi plus CL homines comprehensi sunt, qui explorationis pro Israelia factae insimulabantur.

Sunt, qui putent impetum exercitus Israeliani inevitabile fore, ut copia armorum, quae Schiitae habeant, minuatur. Imprimis missilia ab Irania accepta, quae ad CC chiliometros volare possint, praefectos exercitus sollicitant. Ex quo evenit, ut non de bello ipso, sed de tempore tantum quaeratur.

********************

COMMENTO

Prodromi di guerra fra Israele e Libano? Così sembrerebbe in base alle informazioni assunte dai servizi segreti israeliani, i quali ritengono che ci sia da parte del Libano un atteggiamento di minaccia continua avvalorata dagli attachi continui al confine contro civili e militari israeliani. Si aggiungono le trattative dei Libanesi con l’Iran per un approvvigionamento di missili destinati a colpire il territorio e gli insediamenti al di là del confine. Si tratterebbe di minacce serie e non di ipotesi di guerra.

In sostanza il nuovo anno si apre all’insegna della incertezza e della psicosi di guerra, anche perché, come è noto, gli Israeliani non voglio essere colti di sorpresa. Ecco il motivo del detto latino citato da EPHEMERIS, si vis pacem, para bellum, più che opportuno in questa particolare situazione.

Da sottolineare che, ad aggravare la situazione, vi sono state le rivelazioni di WIKILEAKS che non sono certamente rassicuranti. Ora si attende la prima mossa di chi desidera fermamente e realmente la pace. Sarà possibile fermare la guerra?

Scripsit Volfgangus Austriacus - 05/01/2011 10h07