Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

prossimi 10 »
  • Come si nutrivano i Cristiani che vivevano nelle catacombe?

    Come si nutrivano i Cristiani che vivevano nelle catacombe? Ebbene, questa non è una domanda oziosa o fuori luogo, anzi è più che legittima se si considerano le condizioni abbastanza disagiate della gente che si era rifugiata nelle catacombe per sfuggire alla persecuzione e alle vessazioni continue nei loro confronti. Anch'io mi ero posto un quesito del genere tempo fa, ma non ero mai stato in grado di trovare una fonte che soddisfacesse la mia curiosità. Finalmente, dopo tanti anni, ho trovato la risposta in un articolo pubblicato nel 2009 dal britannico Sunday Times. E' il risultato di una ricerca molto approfondita condotta da un team di specialisti nella catacombe romane di S. Callisto, uno dei complessi più vasti esistenti nel sottosuolo di Roma.

  • Tunica Molesta: una rara esecuzione capitale in uso a Roma

    The Tunica molesta: Roman Execution Ad Flammas, è il titolo di una ricerca effettuata da una docente dell'Oregon, Mary Harrsch, su un tipo di esecuzione capitale adottata a Roma in alcune occasioni particolari, una delle quali decisa dall'imperatore Commodo. In effetti era una esecuzione pubblica di grande impatto emotivo per le sofferenze atroci dei condannati che morivano fra le fiamme, come torce umane. Uno dei primi esempi di condanna ad flammas pare sia da addebitare a Nerone, di cui il pittore Siemiradski nell'800 dette una interpretazione in un quadro rimasto famoso per il crudo realismo che emana la tela.

  • Le strade di Roma antica in televisione

    Grazie ad un contratto stipulato con Telecom Italia, denominato ALICE-TV, da qualche tempo si ha la possibilità di vedere sul televisore casalingo film, documentari, servizi di vario genere, del tutto gratuitamente e per di più con un'ottima resa quanto a definizione e nitidezza di immagini. Fra i vari documentari devo segnalarne uno di carattere storico-archeologico di ottima fattura meritevole di essere diffuso anche nelle scuole come fonte di informazione di alta classe. Il titolo è LE STRADE DI ROMA.

  • Cinque giornate internazionali di studio a Napoli

    Cinque giornate internazionali di studio in programma a Napoli e Benevento dal 10 al 14 novembre 2010. Il titolo degli incontri di alto livello è "Auctor et auctoritas in Latinis Medii Aevi litteris". Eccezionale è il numero dei relatori che saranno presenti alle cinque giornate di studio. Qui vi diamo i nomi dei relatori e i titoli specifici delle relazioni, indicati giorno per giorno.

  • Roman Republic Network, un sito tutto da scoprire

    Roman Republic Network, un sito sponsorizzato da Google, che si presenta con un programma davvero ambizioso, cioè quello di riunire tutti gli studiosi interessati al mondo Romano, per uno scambio di idee, opinioni, progetti e quanta'altro. In effetti a giudicare dall'archivio presente nel sito, sono stati preannunciati molti eventi culturali di grande interesse, cos+ì come altri già realizzati con successo. Ben vengano, dunque, iniziative del genere, per dare maggiore spazio e vita agli studi sul mondo antico e, per quanto riguarda questa rubrica in particolare, lo studio del mondo Romano che ancora ha tanto da dirci e raccontarci.

  • Giornate di studio a Roma, 7-8-9 ottobre 2010/4-6 novembre 2010

    Il Sacco di Roma del 410 d.C. sarà il tema di 4 giornate di studio organizzate dall'Istituto Svizzero di Roma e dall'Istituto Archeologico Germanico con la partecipazione di emeriti docenti italiani e stranieri, secondo il programma dettagliato che vi si allega.

  • Giornate di studio e colloqui presso l'Università di Nottingham, U.K.

    Dal 6 al 9 settembre 2010 sono in programma presso la Rutland Hall della Università di Nottingham 4 dense giornate di studio dedicate al tema "Slave, Forced and Free Labour in Comparative Historical Perspective", cioè Schiavitù, Lavoro libero e forzato in una prospettiva storica comparativa. In breve, un nutrito gruppo di esperti docenti e accademici di varie università darà vita ad un ampio e costruttivo dibattito su un tema che riguarda il nostro passato, ma anche il nostro presente, per cui non si potrà dire che gli studiosi si interessano esclusivamente del passato. Passato e presente, quindi, a confronto in un convegno internazionale organizzato e ospitato da una delle università più prestigiose della vecchia Europa: Nottingham. Qui di seguito troverete l'elenco dettagliato dei relatori e delle sedi di provenienza, insieme ai temi sviluppati giorno per giorno. Un grazie, come di consueto, a COMPITUM.FR, per la collaborazione sempre apprezzatissima da chi ha a cuore la vera cultura.

  • The Jewish War against Rome (66-70/74): Interdisciplinary Perspectives

    The Jewish War against Rome (66-70/74): Interdisciplinary Perspectives, questo il titolo della conferenza interdisciplinare che si terrà presso l'Università di Groningen, Olanda, il 21/22 ottobre 2010. Un argomento che non soltanto gli esperti seguiranno con grande interesse, ma anche i semplici appassionati di Storia Romana e di Storia del Cristianesimo, considerata la presenza alla conferenza di emeriti docenti.

  • Università di Manchester, U.K. - giornate di studio

    Giornate di studio organizzate dall'università di Manchester sul tema "Integration and identity in the Romana republic". Il tema proposto si presenta ricco di contributi da parte di studiosi provenienti da varie università di tutto il mondo accademico, Italia compresa. Un vivo ringraziamento a COMPITUM.FR per la segnalazione.

  • Una serie di monete per celebrare la presenza di Roma sul Danubio

    L'Austria celebra la presenza di Roma sul Danubio e sul suo territorio con l'emissione di una serie monete d'argento da 20 € , intitolata VIRUNUM, seguita a settembre da un'altra serie, intitolata VINDOBONA (Vienna). Un omaggio alla civiltà Romana che per vari secoli fece dell'Austria, l'antico NORICUM, un avamposto contro le invasioni dei barbari, con una presenza attiva dal punto di vista commerciale e culturale. Molto accurato il servizio preparato da David Meadows sul sito Rogue Classicism.