Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

« precedenti 10 | prossimi 10 »
  • Crolla a Pompei la famosa Casa dei Gladiatori

    Crolla a Pompei la famosa Casa dei Gladiatori il 6 novembre 2010. Molti giornali si sono buttati sulla notizia, sia italiani sia stranieri, con commenti non proprio entusiastici soprattutto nei riguardi del Ministero dei Beni Culturali, che non più tardi dello scorso anno aveva assunto un preciso impegno di finanziamento di tutta l'area degli scavi a Pompei per gli interventi sugli edifici di maggior pregio da restaurare. Questo impegno, a quanto pare, non è stato mantenuto, ragion per cui l'opposizione avrebbe tutto il diritto di protestare fino a chiedere le dimissioni del ministro in carica.

  • L'archeologia classica, un volume per studiosi, studenti e appassionati di archeologia, curato da un esperto del settore

    Nelle edizioni della famosa casa editrice di Roma, L'ERMA DI BRETSCHNEIDER, nota da anni per la maggior parte dei testi di elevato contenuto specialistico, ci presenta una novità che riguarda un settore che riserva continuamente sorprese sia dal punto di vista delle scoperte sia da quello dell'impiego di tecniche di indagine sempre più sofisticate. Il manuale dello studioso tedesco si basa essenzialmente sulle ricerche e gli studi personali condotti in questi anni.

  • Il latino fuori dal Liceo scientifico

    Con riferimento al mio recente intervento a proposito di una delle più contestate decisioni del ministro Gelmini riguardante il liceo scientifico, cioè la sparizione del Latino, devo fare alcune precisazioni. In effetti non è che il Latino è sparito del tutto, è il Liceo Scientifico che è stato diviso in due rami diversi, da un lato il liceo tradizionale dall'altro il nuovo liceo Sc. denominato TECNOLOGICO. Si può immaginare lo sconcerto di genitori, alunni e insegnanti per questa innovazione del tutto immotivata, per non dire insensata.

  • Spedizione internazionale di archeologi nel sito di Philosophiana , Sicilia

    Spedizione di Archeologi a Mazzarino per uno studio approfondito del sito. Sono qui a raccolta esperti che lavorano in base a un progetto di collaborazione nazionale e internazionale fra diverse università italiane e straniere.

  • Tomba romana del III sec. a.C. scoperta a Lamezia Terme

    Ha suscitato molto stupore la inattesa scoperta di una tomba romana del III sec. a. C. in un fondo privato di Lamezia Terme. Si tratta di una tomba costituita da lastroni calcarei monolitici pesantissimi del tutto diversa da altre trovate in passato nella stessa zona. La tomba sarà ricomposta e sistemata nel locale museo archeologico con l'aiuto di una gru.

  • Il terremoto del 6 settembre 2010 in Nuova Zelanda ha danneggiato un patrimonio culturale ricchissimo

    Danni notevoli all'università di Canterbury a causa del terremoto. Reperti antichi semidistrutti e la biblioteca danneggiata soprattutto nel settore classici antichi, greci e latini.

  • Si scava ad Aquileia per portare alla luce un maestoso palazzo nobiliare

    ANSA.IT, il notiziario internazionale noto per degli annunci straordinari, in questi giorni ha informato il suo pubblico che gli archeologi hanno concentrato la loro attenzione su quelli che sembravano i resti di una antica abitazione nel territorio di Udine, che invece si sta rivelando come una maestosa costruzione, man mano che lo scavo si allarga come estensione.

  • Una biblioteca di classici latini e greci sempre all'avanguardia

    Perseus.Tufts è un sito che da anni svolge un servizio prezioso per chi lavora sui testi di autori del mondo antico. Ora Perseus ha anche cambiato aspetto, ma non la sostanza, rimanendo un punto di riferimento per tutti, studenti e studiosi.

  • Le favole a scuola, ovvero "Come si insegna il latino negli USA".

    Laura K. Gibbs è una docente di Latino che da anni porta avanti negli Stati Uniti un programma di sensibilizzazione degli studenti per la lingua di Cicerone e dei maestri Latini, sia all'università sia su Internet. Ve ne presento alcune pagine significative che possono servire da esempio ai nostri docenti, e politici, soprattutto quelli che avessero qualche dubbio sull'utilità del Latino nelle nostre scuole, il ministro Gelmini in primis. Uno degli strumenti prediletti della Gibbs per l'insegnamento è la favola antica, quella di Fedro ed Esopo, per intenderci.

  • La distruzione di Pompei, fu davvero una punizione divina?

    Pompeii's destruction: Godly retribution? (La distruzione di Pompei: una punizione degli dèi?) si apre così un servizio apparso il 24 agosto 2010 sul Jerusalem Post, quotidiano online, illustrando un evento che è rimasto memorabile, sia dal punto di vista storico per la sua drammaticità, sia scientifico per le sue conseguenze disastrose sulle persone e le cose. Ma in questo servizio c'è qualcosa di nuovo: l'aspetto divino dell'evento, ovvero la supposizione che in questa tragedia antica ci sia stata la mano della divinità che abbia voluto infliggere alla popolazione di Pompei una punizione per la sua condotta scandalosa e dal punto di vista della morale umana e dal punto di vista religioso. In breve, un richiamo ad un altro evento di punizione inflitta dalla divinità agli abitanti di due città, Sodoma e Gomorra, riportato dalla Bibbia, per il loro comportamento immorale. Certamente una interpretazione del genere nella nostra epoca non può essere accettata serenamente da tutti coloro i quali abbiano un minimo di cultura. In verità ciò che colpisce in questa interpretazione è che l'input sia partito da una pubblicazione tradizionalmente molto seria, la BAR (Biblical Archaeology Review). I lettori, comunque, leggendo le fonti potranno trarre le personali conclusioni sull'argomento.