Questo sito contribuisce alla audience di

Argomenti correlati

prossimi 10 »
  • Un esperimento sensazionale sul Channel 4 Inglese: una villa Romana realizzata in diretta

    Realizzare una villa romana, con materiali, attrezzi e metodi antichi è una sfida provocatoria nei confronti dei costruttori moderni. Ne dà notizia il Dailymail di oggi, 11 gennaio 2011, che presenta un servizio dedicato a una serie televisiva programmata su Channel 4, a partire dal 20 gennaio p.v. Un team di appassionati della civiltà Romana ha messo insieme una squadra di sei esperti di costruzioni per un esperimento che è una vera novità. Si tratta di realizzare una grande Villa Romana sul modello delle numerose Ville sparse sul territorio italiano, ma di cui Pompei è il centro che rappresenta il maggior concentrato di esemplari esistenti.

  • Due scheletri di neonati di 2000 anni fa rischiano di essere dimenticati da tutti

    Da anni, e precisamente dal 2007, anno del ritrovamento di due corpicini risalenti a più di 2000 anni fa, che Lucca attende un cenno di attenzione da parte dell'amministrazione dei beni culturali e la soprintendenza regionale intervengano per dare una degna sistemazione a un reperto antico. Una attesa che pare destinata a prolungarsi per anni e anni ancora.

  • Apollo arciere, un bronzo di pregevole fattura ha ritrovato la sua forma originaria dopo un accurato restauro

    Un antico bronzo che raffigura Apollo con l'arco ora è in prestito al Museo Getty, grazie alla collaborazione con il Museo Nazionale Archeologico di Napoli. La storia di questo esemplare davvero unico per la grandezza, è molto significativa per gli eccezionali risultati ottenuti grazie alle modernissime tecniche di restauro che hanno consentito di ridare vita e valore ad un insieme di frammenti sparsi su un'area abbastanza estesa del terreno di Pompei. Le foto allegate danno un'idea molto precisa dei risultati ottenuti che possono considerarsi eccezionali. Interessante anche una radiografia che consente di valutare tutte le fasi del restauro cui il bronzo è stato sottoposto già in passato.

  • Ancora a proposito della statua camuffata voluta dal premier a palazzo Chigi

    Un seguito all'intervento sulla statua truccata per espressa volontà del ns. premier Berslusconi. Le critiche di alcuni dei maggiori esperti italiani del settore i quali giudicano l'intervento operato sulla statua Antonina è un danno per la categoria dei restauratori italini apprezzati in tutto il mondo. Le critiche, si badi bene, provengono da personalità del calibro di un Paolucci, direttore dei musei vaticani e di un Forcellino, altro esperto internazionale di restauro ben noto per la sua competenza.

  • Le strade di Roma antica in televisione

    Grazie ad un contratto stipulato con Telecom Italia, denominato ALICE-TV, da qualche tempo si ha la possibilità di vedere sul televisore casalingo film, documentari, servizi di vario genere, del tutto gratuitamente e per di più con un'ottima resa quanto a definizione e nitidezza di immagini. Fra i vari documentari devo segnalarne uno di carattere storico-archeologico di ottima fattura meritevole di essere diffuso anche nelle scuole come fonte di informazione di alta classe. Il titolo è LE STRADE DI ROMA.

  • Cinque giornate internazionali di studio a Napoli

    Cinque giornate internazionali di studio in programma a Napoli e Benevento dal 10 al 14 novembre 2010. Il titolo degli incontri di alto livello è "Auctor et auctoritas in Latinis Medii Aevi litteris". Eccezionale è il numero dei relatori che saranno presenti alle cinque giornate di studio. Qui vi diamo i nomi dei relatori e i titoli specifici delle relazioni, indicati giorno per giorno.

  • Roman Republic Network, un sito tutto da scoprire

    Roman Republic Network, un sito sponsorizzato da Google, che si presenta con un programma davvero ambizioso, cioè quello di riunire tutti gli studiosi interessati al mondo Romano, per uno scambio di idee, opinioni, progetti e quanta'altro. In effetti a giudicare dall'archivio presente nel sito, sono stati preannunciati molti eventi culturali di grande interesse, cos+ì come altri già realizzati con successo. Ben vengano, dunque, iniziative del genere, per dare maggiore spazio e vita agli studi sul mondo antico e, per quanto riguarda questa rubrica in particolare, lo studio del mondo Romano che ancora ha tanto da dirci e raccontarci.

  • Giornate di studio a OXFORD, U. K.

    Giornate di studio a OXFORD, 1-2-3 settembre 2010. Tema degli incontri, "Oratory and Politics in the Roman Republic". Le relazioni saranno tenute da emeriti docenti provenienti da varie università europee e Statunitensi, Italia compresa. Ovviamente le discussioni avranno luogo in lingua inglese in omaggio alla sede degli incontri, la prestigiosa università di Oxford.

  • Riprendono gli scavi a Sagalassos, Turchia

    Il notiziario dei Balcani annuncia la ripresa degli scavi nell'area di Sagalassos. Si attendono risultati quanto mai importanti, grazie alla presenza di un folto gruppo di tecnici ed esperti internazionali, fra i quali si trovano anche Italiani. L'area è fin troppo importante e ricca di monumenti e costruzioni di alto livello artistico, frutto del binomio Ellenismo-Impero Romano che hanno lasciato una impronta notevole della loro presenza.

  • Nave Romana naufragata presso Panarea, nelle isole Eolie.

    La notizia che il relitto di una nave Romana naufragata presso l'isola di Panarea, nelle Eolie, è sta diffusa di recente da ANSAmed, un ramo sussidiario di ANSA.IT dedicato esplusivamente al mare Mediterraneo. Molti i dettagli sul ritrovamento della grossa imbarcazioen ancora carica di merce dell'epoca e in particolare anfore di GARUM, frutta e ortaggi tipici della Sicilia. Da notare l'estendersi dell'uso di video-camere particolari adatte alle riprese sottomarine e in grado di accertare con grande precisione la natura del carico e persino i tempi e le modalità dell'affondamento. Una domanda sorge spontanea. perché mai queste notizie vengono diffuse eslusivamente in lingua inglese e non in italiano? Gli Anglosassoni sono forse più interessati degli Italiani all'archeologia subacquea? Mistero.