Questo sito contribuisce alla audience di

Sfilata di THES & THES

Dalla nostra inviata Monica Ferrero, in esclusiva, una nuova rubrica dedicata al mondo della moda: dalla cronaca delle passerelle più prestigiose, alle interviste con i più famosi stilisti, alle super top model, alle novità e alle ultime tendenze per la prossima stagione.

SFILATA DI THES & THES

OMAGGIO A DE CHIRICO: LA PELLICCIA METAFISICA DI CENTAURO

“Tributo a Giorgio De Chirico, mio concittadino di Volos, il golfo greco dal quale partì Giasone con gli argonauti alla ricerca del vello d’oro.

Omaggio al grande pittore metafisico che anticipa le celebrazioni previste per il 2008 in Grecia. A 120 anni dalla nascita del maestro e a 30 dalla sua scomparsa

(10 luglio 1888-20 novembre 1978)”.

Thes Tziveli

I colori di luce silenziosa e le architetture lineari di uno dei massimi esponenti della pittura metafisica, ispirano una nuova “scuola” di pellicceria. Le inconfondibili forme a clessidra delle figure di De Chirico accentuate da cinturoni di vernice stretti in vita. Velli con trattamenti interamente manuali come l’azione del pittore sulla tela. I colonnati paralleli del quadro La nostalgia dell’infinito (1911), tradotti in giochi di pieghe nei cappotti di nappa-guanto profilati di cincillà. Breitschwanz ricamati a onde successivamente intagliate a mano per donare alla superficie piatta del vello, il senso prospettico delle arcate di Mistero e malinconia di una strada (1914). Il rosso dell’abbraccio di Ettore e Andromaca (1917) sui visoni. Il blu del golfo di Volos sulle pelli di rex. Il grigio fumo de Il viaggio inquietante (1913) reso sul breitschwanz, incrociando il nero e il verde. Il rosa carne della Donna bionda di spalle (1930) sul cincillà: la prima pelliccia effetto pelle. Il bronzo delle armature di De Chirico riprodotto sui visoni rasati e spruzzati L’oro verde del vello d’oro per i cinturoni. I sandali d’argento degli argonauti. Mezzo uomo, mezzo cavallo, il centauro suggerisce l’idea della prima pelliccia metafisica: in castorino nella metà inferiore, in fondo rifinito con volpe e di breitschwanz o persiano ricamato nella metà superiore.

Ospite del parterre: FEDERICA PANICUCCI

SFILATA DI VALERIA MARINI




sfilata

SEDUZIONI DIAMONDS AUTUNNO-INVERNO 2007/2008: TRA VALENTINA E MADAME DE POMPADOUR

Il mondo seduttivo di Valeria Marini si arricchisce della linea jeans Seduzioni VM: le iniziali dell’eclettica creatrice. Ma anche di Valentina e Madame de Pompadour. Personalità di riferimento della collezione fuse fisicamente nell’avatar Diamonds VM. A immagine e somiglianza di questa creatura virtuale realizzata dall’agenzia Second Life Italy, la collezione mescola elementi ed epoche delle due icone. Anche nella nuova stampa avatar: una silhouette femminile tra il fetish e il fumetto che sboccia in una rosa della favorita di Luigi XV. Le guepière di Madame de Pompadour trasformate in miniabiti con intriganti giochi di stringhe in swarovski. Guaine settecentesche ma in pizzo di pelle nera da vera Valentina. Il nuovo vestito è il mini kimono che segue il copione di Histoire d’O: “da togliere con un solo gesto per svelare il corpo nudo”. Il capo è realizzato in raso con bordi di pizzo o con la stampa avatar.

Fun-fun: il soprannome di Madame de Pompadour indica la nuova tunica in pizzo grigio doppiato di raso rosa. Per un inedito “vedo nudo” nel quale la pelle sembra di seta. La vestaglia da camera di Madame de Pompadour con ruche in chiffon e lurex. Culotte e balconcini con i bordi di trine e merletti delle crinoline. Il reggiseno in pizzo di Madame de Pompadour con le bretelle in vernice nera e le stringhe di strass. Giochi tra realtà e virtualità nelle stampe a perle con cascate di perle vere. La prima perla a forma di cuore sigilla il reggiseno. Cyber ‘700. Diamanti sul vinile nero per lo slip-reggicalze col laccio bondage che scivola intorno al collo. V-shirt: la T-shirt ispirata al profilo di Valentina. Stringhe-bustier sui pantaloni di vinile e guepière con intarsi di vernice rossa. Micro gessature di vernice sulla tuta rossa in tulle o totalmente di paillette.Bomberini di pelliccia e vinile. Paillette come placche cyber su abiti blu royal con profonda scollatura sulla schiena. Micro paillette a tegoline per brevi abiti sottoveste. Perle e catene. Fiori e borchie. Rose e frustini. Cerchietti di pizzo, metallo e cristalli per tutti i modi di essere Valentina. Da Second Life alla passerella: l’abito dell’avatar Diamonds VM con i lacci trasferiti sulla schiena.

SEDUZIONI VM: IL NUOVO JEANS DI VALERIA MARINI

L’etichetta che gioca tra le iniziali di Valeria Marini e la sigla “vietato ai minori”, introduce il nuovo denim della creatrice. Che declina tutta la sua filosofia della seduzione nel mondo del cinque tasche. Jeans con inserti di vernice laserata sul carré posteriore. Hard denim che diventa romantico, quando gli intarsi sono in pizzo da corsetteria e s’insinuano in tasche. Tutte da esplorare. Pantaloni spalmati e catramati, effetto seconda pelle cyber. Giacchine-bustier in denim steccate come le più sensuali guepière. Abiti-guepière rossi con la scritta per esteso “vietato ai minori” intorno alla zip che si apre lungo la schiena. Giarrettiere e reggicalze indossati sopra i jeans, diventano i nuovi gioielli seduttivi del denim.

VALERIA MARINI PRESENTA SU SECOND LIFE IL SUO AVATAR DIAMONDS VM

La collezione Seduzioni Diamonds di Valeria Marini nasce dall’incontro online tra Valentina e Madame de Pompadour. Due grandi seduttrici di epoche e mondi diversi, incarnate in una singola icona virtuale: l’avatar Diamonds VM. Bionda, con curve sinuose e tante fantasie erotiche, questa creatura si muove su Second Life. Il sito fenomeno dove 3 milioni e 300mila iscritti possono vivere una seconda vita nei panni di un avatar.

La modella virtuale realizzata dall’agenzia Second Life Italy, sarà online da sabato 17 febbraio all’indirizzo secondlife.com. Qui scoprirà la nuova linea di jeans Seduzioni VM. Il resto delle sue avventure si potranno seguire durante la sfilata Seduzioni Diamonds: sul grande schermo collegato a internet in uno show multimediale tra realtà e virtualità.

Per la prima volta nella storia della moda, un avatar di Second Life diventa icona di riferimento di una collezione reale, segnando un’ulteriore evoluzione dello Starwear di Valeria Marini.

“Se un tempo – dichiara Valeria Marini – si proiettavano i propri sogni nelle star, emulandone i comportamenti e i look, oggi grazie a Second Life è possibile inventarsi e reinventarsi la propria immagine, sperimentandola nella dimensione virtuale, per poi metterla in pratica nella realtà”.

Articolo di Monica Ferrero )