Questo sito contribuisce alla audience di

MAFIAWEAR Cool party

Le passerelle e gli eventi più esclusivi della moda Milanese, dalla nostra inviata Monica Ferrero.

MAFIAWEAR Cool party, Cotton Club memories…

La Vecchia Chicago Anni 50. Quando la malavita si mescolava al jazz, al gioco d’azzardo, alle belle donne. Sensazioni da catturare al Cool Party – l’evento esclusivo che MAFIAWEAR ha presentato martedì 20 Febbraio al Luminal di Milano. Le atmosfere calde ed avvolgenti di quegli anni rievocate dalle note della jazz band e sugli accordi di una voce soul.

Reinterpretando la classica pupa del Boss in una nuova e singolare chiave di lettura, il brand per il prossimo Autunno-inverno 07/08 ritraccia la nuova donna contemporanea. Il suo habitat è la city, dove cemento, acciaio e vetro satinato in grigio perla, asfalto e antracite fino al nero più profondo si mixano ai verdi bruniti della giungla urbana e ai rossi maliziosi delle insegne luminose dei night – club. Tutto per capi eclettici. Giacchine corte dai colli importanti da indossare con pant dal fitting facile con motivi ad ala. Gonne a palloncino e cappottini dalle finiture di velluto. Top in jersey di lana e voile. Ma anche abiti di maglia morbida da “portare” con il denim più sfizioso per vestire di Dark Suite il day cittadino. 

Per la sera abiti fascianti dai profondi scolli sulla schiena o di seta ad effetto charleston indossati per l’occasione da 20 splendide modelle che in un’unica uscita hanno interpretato il mood della collezione. Tessuti cangianti, caldi e avvolgenti per outfit dai volumi ampi stretti in vita da cinturine sottili rosso lacca. Gioco di colori -  rosso rubino, verde inglese, grigio polvere – che si abbinano velluti, taffettà e seta. 

Inoltre, 4 ballerine che sembrano uscite dalle atmosfere fumose della Chicago Cotton Club Party, riviste in chiave sensuale  e contemporanea, hanno intrattenuto gli ospiti della serata non senza un tocco esotico all’insegna del luxury style e del glamour, come è ormai tipico dei party Mafiawear.

 

( articolo di Monica Ferrero )