Questo sito contribuisce alla audience di

Lavorare nello Spettacolo... in progress

Stage, master, tutti investimenti fini a se stessi... e l'occasione di porsi a confronto su un palcoscenico, di "fare curriculum..." ? Ce ne parla Moreno Amantini, da anni opinionista Rai.

Cari amici di “Lavorare nello Spettacolo” chi mi conosce e legge i miei articoli sa perfettamente come la penso sul mondo dello spettacolo e su questo ambiente in generale. Sono convinto che lavorare in campo artistico oggi significhi soprattutto dover fare i conti con tutta una serie di situazioni e problematiche che dieci, quindici anni fa non si incontravano. Raccomandazioni, compromessi e situazioni imbarazzanti sono sempre esistite e, nonostante gli ultimi fatti di cronaca che continuano a stupirci e a lasciarci a bocca aperta, devo dire che ormai chi, come me lavora in questo settore, ci ha fatto l’abitudine.

Ho iniziato la mia carriera giovanissimo come attore e poi con il tempo, con la vita e con l’esperienza ho incontrato la televisione. Da quando collaboro con “Lavorare nello Spettacolo” ho avuto la possibilità, sempre maggiore, di mettermi in gioco e di permettermi il lusso di poter dire e fare tutto ciò che amo e sento veramente senza paletti e senza censure da parte di produzioni, editori e voci autorevoli. Tutto questo anche grazie a voi, che avete sempre apprezzato il mio modo di scrivere e di affrontare determinati argomenti. L’idea di far diventare questa rubrica un format televisivo nasce proprio dalla grande sinergia instaurata tra me ed Enzo Prisciandaro e dalla voglia di mettersi in gioco per una giusta causa: aiutare tanti giovani che hanno doti artistiche ad emergere. Indirizzarli, cercare di tutelarli e soprattutto metterli in guardia da truffatori, finti agenti e venditori di vane glorie. Naturalmente, sempre con la schiettezza che mi contraddistingue, vorrei aggiungere una cosa: questo mestiere non è per tutti. Per fare l’attore, il cantante, il danzatore, il presentatore bisogna essere motivati e spinti da una grande passione. Non fatevi catturare dalle sole luci dei riflettori. Pensateci bene. Apparire non basta. Prepararsi è quindi fondamentale.

“Lavorare nello Spettacolo” ha come obiettivo quello di mettersi nel miglior modo possibile a disposizione dell’arte e della professionalità. È proprio in onore e in nome di questa professionalità che Enzo Prisciandaro, in collaborazione con Giovani Talenti ed EmotImage, ha deciso di dar vita ad un vero e proprio spazio in progress dedicato alla recitazione ed al musical. Quanti sono gli stage, i master ed i corsi di perfezionamento che quotidianamente vengono pubblicizzati da scuole di recitazione, riviste specializzate ed accademie artistiche? Quanti di questi sono validi? Molti si servono di grandi nomi dello spettacolo solo per attirare tanti giovani che pur di fare questo mestiere sarebbero disposti a fare qualunque cosa. Anche a spendere più di 200 euro per frequentare una classe di recitazione per soli due giorni composta da 20 persone. Tutto questo perché magari ad insegnare sono Casting Director o attori famosi. A cosa serve tutto questo? A mio modestissimo parere a niente, ed è per questo motivo che condivido totalmente l’idea di Enzo Prisciandaro. Nasce così l’idea di “Lavorare nello Spettacolo…in progress”, ovvero un laboratorio teatrale della durata di 5/6 mesi dove giovani artisti già collaudati, con la presenza e l’aiuto di professionisti del settore, avranno la possibilità, tramite un incontro settimanale di 4/5 ore, di mettere in piedi uno spettacolo teatrale. Un musical che verrà messo in scena in un teatro romano e che darà a tutti la possibilità di crescere professionalmente e di mettersi in gioco. Durante tutti gli incontri i giovani artisti partecipanti verranno filmati e ripresi durante le loro performance e i loro esercizi e alla fine del laboratorio sarà consegnato loro un dvd che racconterà la loro esperienza e che ognuno di loro potrà usare anche come showreel. Ci sarà la possibilità di effettuare incontri con attori e personaggi che hanno fatto la storia del teatro e del cinema ma sempre il tutto finalizzato alla messa in scena di uno spettacolo teatrale. In fondo la teoria non basta e per un attore la forza è incontrare il pubblico mettendosi in gioco su un palcoscenico.

Io personalmente di corsi ne ho fatti parecchi e mi rendo conto che sono molto importanti. Considero di notevole importanza e valore artistico l’idea di Enzo Prisciandaro e consiglio a tutti coloro che fossero interessati a mettersi in contatto con lui. Basta con i corsi che ti spellano e che non ti lasciano niente. Basta con chi vuole solo approfittare dei sogni altrui. Diventa protagonista e cerca di farlo al meglio senza farti fregare.

Tanta “merda” a tutti,

( articolo di Moreno Amantini )

Trovi tutte le indicazioni sul sito lavorarenellospettacolo.it

alla sezione Laboratori