Questo sito contribuisce alla audience di

Al diavolo piace dolce

Il ritorno del diavolo è in agguato e chissà sotto che vesti…leggete e scopritelo!

Dopo il fenomenale successo di “Il diavolo veste Prada”, Lauren Weisberger torna alla ribalta con un altro divertente e pungente romanzo sul mondo luccicante dei vip e dei mass-media.

Anche qui, il mondo delle star, delle “persone che contano” stravolgeranno le abitudini, il look e lo stile di vita della nostra deliziosa protagonista.

Bette Robinson ha ventisette anni, vive a New York con la sua adorata cagnolina Millington, lavora come impiegata in banca alla UBS Warburg, è single e conduce una vita normale.

Bette, figlia di genitori hippy, frequenta un circolo di lettura sui romanzi rosa, va settimanalmente a cena dallo zio Will, editorialista gay che vive con il compagno Simon, e fin dai tempi dell’ università condivide ogni attimo, lavoro compreso, con la sua migliore amica Penelope, che sta per sposarsi con Avery, un vero buono a nulla.

La sua vita sembra procedere nella più totale normalità fino a quando presa da un’ impulso improvviso decide di licenziarsi e dare una svolta alla routine in cui è immersa.

La sua esistenza muterà radicalmente da quando comincia a lavorare per la Kelly & Company, una delle migliori agenzie di pubbliche relazioni della città.

Bette cambierà look, mettendo in fondo all’ armadio gli anonimi tailleur blu per sfoderare jeans attillati, tacchi a spillo e top alla moda.

Ora il suo compito sarà quello di organizzare feste, divertirsi, andare nei locali più trandy del momento e far parlare di sé; in men che non si dica si troverà in tutte le copertine delle riviste dei gossip dopo un incontro ravvicinato con Philip Weston, il playboy più ambito di Manhattan; questa relazione gioverà soprattutto all’ agenzia, che grazie a questa strepitosa pubblicità crescerà di fama e notorietà.

L’ incontro fatale però scoccherà al Bungalow 8 con Sammy, il buttafuori del locale.

Qualche rimando al precedente romanzo si insinua, ma questa volta i riflettori sono puntati sulle pubbliche relazioni, sull’ agenzia, sul mondo sfavillante delle star, della notte, del lusso ma anche dell’ alcol e della droga e dell’ inesistenza di una vita privata.

E’ un romanzo divertente, leggero, appassionante e a tratti aspro, che speriamo sia seguito da un altro diario delle avventurose storie della nostra protagonista.

articolo di Paola Dongo