Questo sito contribuisce alla audience di

Recital pianistico di Cesare Marinacci

Domenica 19 dicembre alle ore 19 continua la stagione dei concerti del Pontificio Istituto di Musica Sacra presso la Sala Accademica di Piazza Sant’Agostino 20a con un recital pianistico monografico dedicato a Fryderyk Chopin in occasione del bicentenario della nascita. Interprete della serata sarà il pianista Cesare Marinacci che proporrà le sublimi Quattro Ballate del compositore polacco interpolate da Valzer (op. 64 n. 2 e op. 18) e Notturni (op. 48 n. 1 e op. 9 n. 2).

Cesare Marinacci

Fu lo stesso Chopin a dare per primo il nome di ballata a una composizione musicale, definendo così un brano che attingeva alla forma del rondò, della sonata e del tema e variazioni. Caratteristica comune delle ballate chopiniane è l’andamento binario in suddivisione ternaria e il carattere epico-narrativo sostenuto da una grande intensità melodica e una screziatissima scrittura armonica. Secondo Robert Schumann si tratta di pagine forse ispirate dai poemi dell’esule poeta polacco Adam Mickiewicz:Corrado Wallenrod, Switezz, Undine, I tre Budrys.Il riferimento della musica ai testi è tuttavia impreciso e verosimilmente il musicista ha soprattutto cercato, nella poesia, uno stimolo eroico ed appassionato alla sua ispirazione, senza volerne ricreare una rappresentazione musicale; dunque non evocando i contenuti ma il principio narrativo.

Tecnica poetica sopraffina è presente anche nella raccolta dei Notturni, quadri lirici di diverso profilo che esprimono il sentimento romantico guidato dall’ispirazione improvvisa che si condensa spontaneamente nel cosiddetto ‘pezzo breve’, espressivo ed immediato. Nei Valzer, Chopin elabora la tipica danza ternaria in una finissima forma strumentale; un susseguirsi di episodi ora brillanti ora languorosi di carattere quasi improvvisato ma sostenuti da elementi costitutivi comuni in un nobile equilibrio.

Cesare Marinacci nato a Milano ha compiuto con i massimi voti studi umanistici e musicali conseguendo, oltre ai titoli accademici in Pianoforte ‘con lode’, Musica da camera, Musica jazz, Musica elettronica, Composizione e Direzione Corale, ancora ‘con lode’ la Laurea in Lettere ed il Master L.u.i.s.s. in Comunicazione. Si è perfezionato in particolare con Raoul Meloncelli, Franco Scala e Sergio Fiorentino ed Enrico Pieranunzi. Alternando l’attività concertistica e compositiva a quella musicologica, prende parte all’attività di varie istituzioni; tra i riconoscimenti ricevuti si ricordano: Rotary, La Fenice, Agimus, CDMI, Premio internazionale Ercole d’Oro, premio Bonifacio VIII, Laurus Nobilis Award, Cavalierati dell’Ordine di Malta e Svevia. Direttore Artistico dell’Accademia Bonifaciana, collabora come autore e conduttore con la Radio Vaticana ed ha al suo attivo diverse pubblicazioni letterarie e musicali tra cui: L’astro lontano, Sing a Song, Apres un reve, Genio e regolatezza, Le voci dell’anima. E’ docente presso il Pontificium Institutum Musicae Sacrae e la Link Academy - University of Malta.