Questo sito contribuisce alla audience di

I lavoratori associati in partecipazione - prima parte

Sono diffusi soprattutto nel Nord Italia ma non è raro incontrarne qualcuno nei negozi di intimo...Sono gli associati in partecipazione, spesso un nuovo modo per mascherare lavoro subordinato.

Il contratto di associazione in partecipazione, disciplinato dall’articolo 2549 del codice civile, stabilisce che l’associante (imprenditore) attribuisca all’associato (lavoratore) una partecipazione agli utili dell’azienda. Gli elementi che caratterizzano tale contratto sono costituiti dall’apporto dell’associato e dalla sua partecipazione agli utili dell’impresa o di un determinato affare. Può costituire oggetto dell’apporto dell’associato una prestazione di carattere patrimoniale, oppure una prestazione d’opera.

Qualora il contratto non specifichi la quota di utili spettanti all’associato, essa deve essere calcolata in proporzione al valore dell’apporto dato dall’associato rispetto al valore dell’impresa. Il calcolo è effettuato sulla base dei criteri di valutazione del bilancio dell’impresa. L’associante ha diritto ad essere informato sull’andamento dell’azienda e a esercitare i controlli. L’associato ha diritto al rendiconto periodico della gestione dell’impresa.

Nel caso di associazione in partecipazione a uno o più affari, il rendiconto si limiterà agli affari compiuti. La cessazione del rapporto contrattuale avviene per decorrenza del termine fissato dalle parti; per inadempimento contrattuale di una delle parti (salvo risarcimento); per perdite gravi o di entità tale da non consentire la prosecuzione dell’esercizio d’impresa. Se prevista nel contratto, la cessazione può avvenire anche per giusta causa.

Le novità legislative

Il decreto attuativo della legge 30/2003, con l’intento di evitare i fenomeni elusivi del contratto di lavoro subordinato, introduce per l’associazione in partecipazione un’importante novità. Infatti si chiarisce in modo esplicito che, ove manchino adeguate erogazioni a chi lavora o un’effettiva partecipazione all’impresa, il lavoratore ha diritto ai trattamenti contributivi, economici e normativi stabiliti dalla legge e dai contratti collettivi per il lavoro subordinato per figure corrispondenti nel medesimo settore d’attività.

La legge però, ancora una volta, apre una via d’uscita al datore di lavoro che, attraverso attestazioni o documentazione, può dimostrare che il lavoro che svolge l’associato in partecipazione non ha natura subordinata, ma rientra in altre tipologie di lavoro esistenti. In questo caso, dunque, l’equiparazione economica, contributiva e normativa al lavoro dipendente non esiste.

Link correlati