Questo sito contribuisce alla audience di

2^ Giornata: LECCE-CATANIA 1-0

Il 2003 inizia con una vittoria che regala il secondo posto solitario.

RETI: 36′ Chevanton (rig.)

Cambia il colore dei capelli (adesso sono rosso fuoco), cambia il modo di esultare (questa volta una danza sudamericana imparata nelle vacanze) ma non cambia la sostanza: Chevanton segna ancora e porta il Lecce sempre più in alto.

Non era semplice iniziare il nuovo anno dopo la maiuscola prestazione ad Ancona e dopo le mille distrazioni che la sosta prolungata comporta. Ma il Lecce è sembrato impassibile. Ha ripreso la sua marcia con una vittoria indice di una costanza che inizia a farsi vedere prepotentemente anche in classifica.

Il Catania ha recitato a dovere il ruolo di squadra in evoluzione, ostica, mai doma, ma con gravi carenze in avanti. Ed alla fine si è dovuta arrendere ai giallorossi, tanto intraprendenti tanto spreconi in avanti. Ecco un dato su cui riflettere: tanti uomini messi davanti al portiere e nessun gol su azione. Ieri questa statistica poteva far male alla truppa di Delio Rossi, che dopo il rigore trasformato dal Cheva ha avuto facili occasioni per chiudere l’ncontro buttandole come si suol dire alle ortiche. E la squadra siciliana per poco, sul finire della gara, non giustiziava questa mancanza di cinismo.

Da segnalare l’atteso rientro sul terreno di gioco di Cimirotic. Una grande arma che il Lecce ha forzatamente dovuto tenere nella fondina e che ora è pronto a puntare.