Questo sito contribuisce alla audience di

Evidenze e non evidenze

Dal caro prezzi al nuovo consorzio

Ricevo e pubblico l’intervento di leccese_a_pavia

Ascoltavo con molto interesse l’intervista del presidente della Lega-calcio, nonchè vicepresidente del Milan, che, a dicembre, auspicava una rapida risoluzione del problema del caro-biglietti degli stadi.
Ciò, in seguito ad una protesta dei tifosi milanisti che avevano lasciato un settore vuoto con uno striscione di protesta proprio su quest’argomento.
Beh, ero molto contento di sentire le sue parole rassicuranti come “E’ un problema che come pesidente di Lega (ma di quale lega?la parte che non ti vota più o la parte che ti vuole votare ancora?) mi attiverò subito per risolvere”, ecc. Dicevo ero contento anche perchè, di lì a poco, ci sarebbe stato Milan-Lecce che, l’anno precedente, mi era costato 15€ e, a sentire queste dichiarazioni, ho capito che al massimo mi poteva costare ancora 15€, se non proprio di meno.
Il mio ragionamento era semplice: una persona coerente come Galliani potrebbe mai dire qualcosa davanti alle telecamere solo per farsi bello con i tifosi e fare poi l’opposto dietro le quinte??? Impossibile…ma vero. Un aumento del 66% in un anno…per lo stesso, identico settore ospiti: 25€!!! Effettivamente mi ero dimenticato di quando aveva detto, ad esempio, che non ci teneva a ricandidarsi (e che non si sarebbe opposto ad un nuovo candidato), o anche di quando ecc…
Ma passiamo ad altro che forse è peggio!
Questione consorzio: uno potrebbe dire “Ma quale?”. Infatti, vorrei fare un sondaggio per vedere quanti appassionati di calcio sono riusciti a sapere questa notizia tramite la stampa italiana??? Forse troppo impegnata dal digiale terrestre (a proposito, complimenti per i calcoli, ancora una volta eccezionali, fatti nella vendita dei diritti!!!Ma dico io, prendere un ‘economista che non sia pazzo è troppo per una squadra di calcio???) non si è resa conto (o meglio, non ha voluto rendersi conto) della svolta epocale che questa iniziativa rappresenta.
Si vuol dare infatti un deciso scossone all’andamento fallimentare del calcio italiano di questi ultimi anni, un progetto che (galliani e governo italiano permettendo) aprirebbe la strada al modello inglese della cessione dei diritti tv così tanto osteggiato dai grandi club…forse per paura di non poter pagare i calciatori plurimilionari. Ma l’Arsenal come fa a pagarli? Eppure lì la forbice (perchè c’è sempre una forbice tra grandi e piccole data dal bacino d’utenza e dalla posizione in classifica) tra gli introiti di grandi e piccole è molto minore che in italia, forse addirittura 1/5!!!
E quindi, perchè non voler risollevvare finalmente questo calcio malato? E la stampa, perchè ha così tanta paura di dare questa notizia che sarebbe senz’altro da prima pagina e 9 colonne??? Forse i burattini che governano il calcio sono gli stessi che hanno in mano anche gli organi di (dis)informazione? Forse mi pongo troppe domande difficili, infondo, dovrebbe trattarsi di una palla che rotola su un campo…