Questo sito contribuisce alla audience di

La mente dei Led Zeppelin

Tutto e ancora di più sul poliedrico componente dei Led Zeppelin che tannto ha contribuito al loro successo, pur rimanendo nell'ombra...

Apprezzatissimo bassista di studio nella prima metà degli
anni sessanta,John Paul Jones, è stato per i Led Zeppelin, l’uomo giusto
al momento giusto e, oserei dire, al posto giusto. Jimmy Page, infatti, dopo la
chiusura dell’esperienza Yardbirds (tra il 1967 e il 1968), nell’intenzione di
formare un gruppo con il nome di New Yardbirs , si mette alla ricerca, assieme
al mastodontico Peter Grant (alla cui leggenda dedicheremo un’apposita sezione),
di componenti per la nuova band.

Proprio durante questa ricerca avviene un incontro,
quasi per caso, in uno studio di registrazione londinese, tra Page e Jones il
quale, avendo già trasentito i rumors che giravano attorno alla creazione dei
New YardBirds, si proporne al capelluto prossimo leader degli Zeppelin, come
bassista.

Mai scelta fu più azzeccata: Jones, reduce da una
lunga esperienza di uomo di sutdio con diversi gruppi tra i più famosi degli
anni ‘60, diede ai Led Zeppelin un contributo fondamentale.Ricordate il pezzo di
Organo Hammond in Thank You, oppure il mandolino di The Battle of
Evermore?
Tutta farina del suo sacco.

Nel percorso alla riscoperta della figura forse
meno celebre, ma sicuramente singolare, della compagine zeppeliniana, ci
addentreremo anche nel mondo delle sue produzioni post-LZ… …ne vedremo delle
belle.

Ciao…