Questo sito contribuisce alla audience di

Italia, all'avanguardia per la ricerca

La Bei finanzierà grandi progetti: idrogeno, vulcani, clima

Il Ministro dell’Istruzione Università Ricerca Letizia Moratti e il Presidente della Banca Europea per gli Investimenti (Bei) Philippe Majstadt, hanno siglato un accordo quadro che per la prima volta, prevede finanziamenti per la ricerca. 45 miliardi di euro saranno stanziati a fronte di precisi progetti presentati dai Paesi dell’Unione Europea. Circa sette miliardi dovrebbero andare all’Italia sulla base di una prima stima.

Risorse aggiuntive, precisa il Ministro, che si sommano al finanziamento pubblico e alle linee di credito del nostro Paese, per attivare grandi progetti.
I primi programmi di ricerca sono al vaglio del Consiglio Europeo e sono già all’esame della Bei. Alcuni di essi prevedono una forte partecipazione italiana.

I progetti principali:Idrogeno: la piattaforma Idrogeno è un progetto che mira a sviluppare le tecnologie basate appunto sull’idrogeno come alternativa ai carburanti inquinanti. L’Enea avrà grande peso in questo progetto.Laser a elettroni liberi: il progetto Laser a elettroni liberi del Centro luce di Sincrotrone di Trieste mira allo sviluppo di materiali innovativi e di biomateriali.Banda larga: il progetto prevede l’applicazione della banda larga per l’informatizzazione della Pubblica Amministrazione. Gran parte della tecnologia del progetto è italiana.Vulcanologia e sismologia: il progetto prevede la creazione di una rete di osservatori di vulcanologia e sismologia per la prevenzione delle catastrofi naturali. Per l’Italia è coinvolto l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Roma.