Questo sito contribuisce alla audience di

SIGNORI... TIZIANO SCARPA

Tiziano Scarpa è un autore che esplora generi, l'abbiamo già conosciuto, ricordate? In una serata con... In quest'intervista ci dice come ha iniziato a pubblicare, perché scrive, cosa fa, etc...

Ola Tiziano,perché scrivi?

Perché è la mia vocazione. Perché, se trovo una frase potente, poi mi risuona in testa, la porto in giro passeggiando, dà un senso a tutto il creato e alla mia imbecillità.

Vuoi farlo tutta la vita?

Sì, ma non si può mai sapere. Per esempio, il mio quasi omonimo Tiziano Sclavi si è stufato. Qualche giorno fa ha dichiarato che vuole smettere di scrivere romanzi: “troppa fatica, niente soldi e niente fama”, ha detto. Come dargli torto?

Sigh, devo fartela questa: come hai iniziato a pubblicare?

Ho mandato per anni manoscritti alle case editrici. Ho ricevuto molti rifiuti ma poi, quando finalmente ho scritto qualcosa di decoroso, mi hanno pubblicato. Devo ringraziare la santa pazienza di Mauro Bersani.

Qual’è secondo te la tua miglior dote di narratore e il tuo peggior difetto?

Sono un pessimo narratore, ho ancora tutto da imparare. In compenso ho un po’ di orecchio per la lingua italiana.


Perché scegli una produzione così varia?

Perché la scrittura mi appassiona tutta, e secondo me in questi anni c’è una sopravvalutazione del romanzo. A me piace molto scrivere, scrivere qualsiasi cosa, anche se non è narrativa. La narrativa fa guadagnare di più gli editori (e di conseguenza gli autori), ecco perché ci sono sempre più romanzi in giro.

Da quale tuo libro ti aspetti maggiori consensi?

Ormai è tardi per aspettarsi ancora qualcosa dai libri che sono già stati pubblicati. E poi si tratta di ambienti così imprevedibili… Per esempio, i miei racconti sono andati male in Italia, bene in Francia.


Quale tuo libro ami di più?


Sono molto affezionato alla raccolta di articoli e saggi, perché ci ho messo dieci anni a scriverla, e la considero un atto di impegno culturale e politico.


Un film, un libro, un disco…


Film: Frankenstein junior, che non ho mai visto, ma è il film che mi hanno raccontato più di qualsiasi altro, quindi è il film che più ho immaginato.
Libro: La mia vita di uomo di Philip Roth (ristampatelo!)
Disco: attualmente i Goldfrapp, Felt Mountain.


Che fa Tiziano Scarpa quando non scrive?

Col pensiero io scrivo SEMPRE. Non mi sto vantando: anzi! E’ la terribile verità.


Un buon motivo per gli utenti per navigare nel mio sito.

Ma lo stanno già facendo!

Ciao allora, alla prossima.

Ciao (((Comunque, detto tra noi, ora che è andato via, Federico Batini è uno con i controcog…, non vende fumo, è preparatissimo, ci crede veramente, lo fa per passione e non per soldi, (certo e quali?, nota di Federico) ve lo giuro e garantisco io Tiziano Scarpa che l’ho conosciuto))).