Questo sito contribuisce alla audience di

Educazione di una canaglia di Edward Bunker

Edward Bunker è uno di quegli autori che ti immerge in un altro mondo, e lui, facilitato, si fa per dire, dalla propria esperienza di vita, ci riesce in modo davvero mirabile

Certo, chi ha frequentato, come chi scrive, l’intera produzione narrativa di Bunker tradotta in italiano non potrà non trovare analogie, riferimenti ed anche ripetizioni, però questo libro è davvero un libro confessione, un’autobiografia priva di un facile giudizio morale

Bunker, come è noto, ha passato circa diciotto anni della propria vita in carcere e questa esperienza fa da sfondo a tutta la sua opera, di più ne costituisce la matrice fondamentale, l’ossatura, lo spunto, la base ed il vertice

In questo lungo volume (523 pagine) Bunker racconta l’intera propria vicenda esistenziale, dalle prime difficoltà ad integrarsi nelle varie scuole militari, collegi, scuole punitive frequentate sin da bambino sino agli anni del riformatorio, del carcere minorile e poi del carcere vero e proprio, senza dimenticare l’apprendistato e poi la ferrea volontà con la quale Bunker ha inseguito il proprio sogno di scrittore, sogno che, come egli stesso ci confessa, lo ha salvato da una vita che sarebbe continuata sugli stessi binari

Bunker non addolcisce, non giudica, non si distanzia dagli eventi a volte tragicomici, più spesso drammatici che hanno segnato la sua parabola esistenziale, anzi, a piene mani ci introduce in un mondo segnato da regole che non valgono fuori, un mondo crudo e duro che invita alla riflessione sulla funzione ri-educativa che al carcere viene, teoricamente, assegnata nelle società moderne.

Una lettura avvincente, un libro lungo che si legge d’un fiato, uno scrittore di quelli che una volta avvicinati …. chiamano alla lettura se non della propria opera omnia certo di una bella porzione della stessa

Edward Bunker è l’autore di due libri di grande successo anche in Italia, Dog Eat Dog (Cane mangia cane, Einaudi Stile libero 1999) e No Beast So Fierce (Come una bestia feroce, Einaudi Stile libero 2001), entrambi ristampati piú volte. Einaudi ha anche pubblicato la sua autobiografia Educazione di una canaglia (Einaudi Stile libero 2002). Nel 2003 è uscito Little Boy Blue(Einaudi Stile libero), mentre nel 2004 è uscito Animal Factory (Einaudi Stile libero)

Entrato nel penitenziario di San Quentin (per la prima volta) a diciassette anni, ne ha poi passati diciotto in carcere, in tre periodi successivi, ed è stato fuori per venticinque. Si può dire che quasi metà vita adulta l’abbia passata in carcere, e l’altra metà a scrivere del carcere, facendone la rappresentazione piú potente del nostro tempo.

Oggi, pacificato, vive a Los Angeles con la giovane moglie e un figlio, molto amato dal mondo del cinema. È famosa la sua parte di Mr. Blue in Reservoir Dogs, Le iene, di Quentin Tarantino.

Da Come una bestia feroce è stato tratto il film Sorvegliato speciale, con Dustin Hoffman.