Questo sito contribuisce alla audience di

Un gioiello a portata di mano...di Elvira Apone

Devo ammettere di avere avuto finora, per mia fortuna, diverse opportunità di visitare le meraviglie d’Europa e del mondo, anche se non tante quante ne avrei volute, per la verità. Tuttavia e’ forse ormai noto a tutti quante bellezze racchiuda il nostro paese, quanti luoghi interessanti si possano riscoprire, o addirittura scoprire, essendo ancora sconosciuti a molti, me compresa.












Così, qualche mese fa, per caso, a pochi chilometri da casa, mi ritrovai, affascinata e sorpresa al tempo stesso, ad esplorare un posto nuovo e magico, ancora avvolto dalla spirale della storia che gli e’ scivolata addosso e che gli ha impresso il suo marchio indelebile ed eterno.
E’ vero, spesso non e’ necessario andare lontano per compiere un ennesimo viaggio nel tempo, per ripercorrere con l’ immaginazione, e non solo con quella, i secoli che l’ umanità si e’ lasciata alle spalle…..
Scoprivo, quindi, un po’ per caso e un po’ per curiosità, una delle più imponenti opere d’ingegneria militare d’Italia: la fortezza di Civitella del Tronto, che si estende per più di 500 metri di lunghezza su una cresta rocciosa nei pressi del fiume Salinello, un tempo confine naturale tra l’ antico Stato Pontificio e il Regno di Napoli. Costruita tra il 1564 e il 1576 durante la dominazione spagnola, questa colossale struttura venne modificata in epoche successive, pur mantenendo intatte le originarie mura perimetrali.