Questo sito contribuisce alla audience di

LA BATTAGLIA STREGATA

Normandia, 1951. Due signore inglesi in vacanza sono vittime di un'allucinazione auditiva e diventano spettatrici di una battaglia che si è svolta effettivamente nel porto di Dieppe ben otto anni prima. Fenomeno paranormale o mistificazione? Un articolo di Dania D'Aquino

Dieppe, Normandia, agosto 1951. In una casa nelle vicinanze dell’antico porto, due signore inglesi trascorrono il periodo delle vacanze, tra bagni di mare e passeggiate rilassanti; sembra una vacanza come le altre, fino alla notte del 4 agosto, quando le due donne vengono risvegliate da un rumore d’artiglieria. Terrorizzate, si affacciano alla finestra aperta per vedere cosa sta succedendo, ma il porto è tranquillo, non c’è nessuno, tanto meno mezzi da guerra. Eppure nelle tre ore successive sentiranno una battaglia che sembra essere intrappolata nel tempo. Le due inglesi, infatti, quella notte udirono una ripetizione straordinariamente precisa degli eventi di uno scontro che effettivamente si era svolto nel porto di Dieppe, nove anni prima.

Il 19 agosto 1942, truppe inglesi e canadesi, avevano attaccato la città sulla Manica tenuta dai Tedeschi, come prova generale del futuro sbarco in Normandia.

Da quell’operazione, gli Alleati impararono molte cose ma ad un prezzo terribile: dei 6.086 uomini che parteciparono allo sbarco, 3.623 rimasero uccisi, feriti o prigionieri dei Tedeschi.

La cosa straordinaria di quanto avvenne quella notte del 1951, è che la descrizione della battaglia fatta dalle due signore inglesi collimava quasi perfettamente coi resoconti ufficiali delle forze alleate.

Esse udirono alle 4 del mattino degli uomini gridare “come in mezzo a un temporale”, oltre a rumori di fucileria e di bombardieri in picchiata.

Nei resoconti è annotato che alle 3.47, la flotta d’assalto apre il fuoco contro navi tedesche. Le truppe sulla spiaggia dovevano urlare per comunicare tra loro.

Alle 4.50, le due donne spiegarono che all’improvviso i rumori cessarono.

Nei resoconti, le 4.50 corrispondono all’Ora Zero per lo sbarco delle truppe, ma l’operazione era in ritardo di 17 minuti e il fuoco a questo punto, può essere cessato.

Alle 5.07 I rumori riprendono a ondate successive, assordanti come di bombardieri in picchiata, mentre sullo sfondo si odono alcune deboli grida.

Alle 5.07 secondo le Forze Alleate, una testa di ponte veniva stabilita a Puys sotto un fuoco accanito, poi i caccia della Marina aprivano un cannoneggiamento contro Dieppe, mentre i bombardieri attaccavano le attrezzature del porto.

Improvvisamente, alle 5.40, ritorna il silenzio.

Infatti, alle 5.40 il bombardamento navale ha termine.

Il fracasso riprende alle 5.50: Frastuono di aerei, con deboli rumori in lontananza.

A quell’ora, arrivavano i rinforzi aerei alleati che si scontravano con l’aviazione tedesca.

Tra le 6.00 e le 6.45, il rumore si spegne, si sentono grida, vi via sempre più deboli, finché tutto torna in silenzio.

L’attacco vero è respinto alle 8.30, con terribili perdite per gli Alleati. I superstiti si arrendono.

Nessun’altra persona udì qualcosa d’insolito, quella notte.

In seguito, durante una lunga inchiesta, risultò che le due turiste avevano letto una descrizione della battaglia; ciononostante risultò inspiegabile la conoscenza, da parte delle due inglesi, di alcuni dettagli presenti solo negli archivi dei resoconti delle Forze Alleate.

La Società Britannica per le Ricerche Psichiche, concluse l’inchiesta affermando che quell’esperienza doveva essere considerata come un genuino “Fenomeno Psichico”.