Questo sito contribuisce alla audience di

Sirena d'Aprile di Remo Guerrini

“Lei canta. D’altra parte le sirene cantavano, no? Ulisse, la cera nelle orecchie, tutte quelle cose lì... Le conosciamo bene, solo che lei canta dentro alla nostra testa. E canta le cose che pesca dentro di noi.” - La nuova scommessa editoriale di Alacran Edizioni punta decisamente verso il fantastico. Con una sirena tirata a riva in una rete da pesca. Che succede poi? Lo saprete solo leggendo.

Lo straordinario incontro con una sirena capovolgerà le vite dei protagonisti del nuovo romanzo di Remo Guerrini

SIRENA D’APRILE dal 7 ottobre edito da Alacrán Edizioni

Che cosa accadrebbe se una delle più magiche figure della mitologia dovesse comparire, apparentemente per caso, nella vostra vita? E se fosse capace di entrare nel vostro animo, nei segreti e nei desideri più intimi della vostra mente facendo riemergere ricordi lontani, felici o dolorosi?

A fare i conti con questa inattesa realtà, fino alle più estreme conseguenze, saranno i protagonisti di Sirena d’aprile, una favola cruda, ma anche tenera e ironica, ambientata tra l’Italia e la Francia, fra i paesaggi e profumi del mare della Liguria, e le luci della più lontana Parigi

Dall’ispirazione e dalla fantasia dello scrittore e giornalista Remo Guerrini, arriva nelle librerie italiane, a partire dal 7 ottobre, pubblicato da Alacrán Edizioni, Sirena d’aprile: una storia imprevista e imprevedibile che racconta come magia e dolcezza siano sempre più difficili da trovare, in un mondo dove sembra non esserci più posto per la meraviglia.

Al centro della vicenda, una figura figlia del mito: la sirena, che nel romanzo firmato da Remo Guerrini sconvolge la vita, i sogni e i desideri dapprima di un vecchio e solitario pescatore, poi di uno zingaro da Luna Park, quindi di un illustre professore di biologia marina e dei frequentatori della Parigi più sontuosa. Vite apparentemente lontane, che verranno così accomunate: in una notte di plenilunio il pescatore troverà nella propria rete la sirena, lo zingaro la erediterà mettendola in mostra in un baraccone di fenomeni, il professore la studierà nella fredda acqua di un acquario straordinario….Tutti comunque si innamoreranno di lei che viene dal fondo del mare, lei che adora caramelle e dolcetti, e cambia nome a seconda del suo “proprietario”, lei che si nutre dei sentimenti degli uomini, li obbliga a guardare in fondo a loro stessi, ed è in grado di “pescare” nella loro mente, facendo riemergere ricordi lontani, felici o dolorosi. Fino a una conclusione sorprendente e sconvolgente.

La favola di Remo Guerrini, rappresenta la prima perla di Decanto, la nuova collana di Alacrán Edizioni, dove la bellezza della parola arricchisce ogni lettore, senza distinzione di età. Letture rubate al tempo, che nel tempo sprigionano sapori irresistibili.

REMO GUERRINI
Nato a Genova nel 1948, è giornalista da quasi quarant’anni. È stato direttore di Epoca, Il Giorno, Focus, Primo Piano e dell’edizione italiana di Selezione dal Reader’s Digest. Attualmente dirige il mensile Meridiani. Nei primi anni Ottanta è stato, insieme con Andrea Santini, il primo italiano a pubblicare spy-story nella collana Segretissimo di Mondadori. È autore di numerosi romanzi, racconti gialli, thriller e libri di fantascienza, diversi dei quali tradotti in Francia e Germania.