Questo sito contribuisce alla audience di

Poetico ragù

Intrigano (ed incuriosiscono i non napoletani) questi versi di Eduardo De Filippo che celebrano un sugo che assolutamente non è "carne col pomodoro". Di cui la migliore versione è sempre quella della mamma. " ‘O ‘rraù " è inserita in "Sabato, domenica e lunedì", una commedia eduardiana che, su un arco temporale di tre giorni, ruota intorno alla preparazione del ragù per il pranzo della domenica: con malintesi, litigi e riappacificazioni.

O rraù

O rraù ca me piace a me
m’ ‘o ffaceva sulo mammà.

A che m’aggio spusato a te,
ne parlammo pè ne parlà.

Io nun songo difficultuso,
ma luvàmmel’ ‘a miezo st’uso.

Sì, va buono: cumme vuò tu.
Mò ce avéssem’ appiccecà?

Tu che dice? Chest’ ‘è rraù?
E io m’ ‘o   mmagno pè m’ ‘o mangià…

M’ ‘a faja ricere na parola?…
Chesta è carne c’ ‘a pummarola!

——————————————————————————————

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi essere sempre aggiornato, inviando una semplice e-mail a: letteraturagastronomica@supereva.it puoi iscriverti gratui- tamente alla NEWSLETTER DELLA GUIDA DI LETTERATURA GASTRONOMICA.