Questo sito contribuisce alla audience di

Tre ingredienti per tre giorni perfetti

Tre è il numero perfetto per antonomasia e quando gli ingredienti sono tre e sono quelli giusti, il risultato è un week end nel gusto, cioè "gustovagando": gironzolando senza pensieri ed assaporando prelibatezze piene di piaceri.

 

Un week end che si può realizzare grazie all’allettante iniziativa (per staccare un attimino la spina tre giorni sono ok) che ci viene proposta da Maggiore, una delle maggiori società di noleggio auto, V2000 Communication, tour operator del turismo d’affari e Luca Maroni, scrittore, analista sensoriale e degustatore professionista, di cui abbiamo già parlato in queste pagine.

 

Di cosa si tratta? Della gustosa possibilità di noleggiare un’auto per un intero week-end e soggiornare per due notti in strutture selezionate appositamente per gli appassionati di gusti nostrani, sapori e sensazioni d’altri tempi.

All’insegna dell’enogastronomia più ricercata del nostro paese.

 

Gli itinerari tra cui poter scegliere sono quattro.

 
La Franciacorta: nel bresciano, si estende da Cologne e da Rovato fino a Paratico e ad Iseo dove una linea ininterrotta di vigneti-giardino si espande fino ai margini del lago omonimo e dove l’enogastronomia lombarda si esprime ai massimi livelli.

Le Colline senesi: da Montepulciano a Montalcino e fino a Castellina in Chianti, un percorso che costituisce una vera e propria linea del piacere enogastronomico che gli appassionati devono rigorosamente compiere almeno una volta nella vita.

I Castelli romani: ancora oggi un’oasi di pace, un rifugio goloso per molti cittadini e per i turisti che visitano la capitale; un luogo dove l’enogastronomia ha radici profondissime: il vino bagnava le gesta dei generali dell’Impero ed ancora oggi contribuisce a fare grande il nome del Lazio nel mondo.

Il Trapanese: con il suo mare, la sua terra, il suo sole, dal cui incontro nasce una gastronomia ricca e complessa, nella quale si può leggere la storia di questa terra dove ogni passo regala sorprese, dove ogni pasto è un viaggio nell’incrocio di popolazioni, culture e tradizioni che si sono fuse nel corso dei millenni.