Questo sito contribuisce alla audience di

Diabete in allegria (o almeno lieto sia)

Può essere allegro un libro che parla di regime alimentare restrittivo per una cerchia di persone con un certo problema di salute, quale il diabete?

La risposta è sì. E infatti esiste questo libro che nasce dall’amore verso la professione e verso quei pazienti che per ragioni di salute non possono più procrastinare la correzione dei loro comportamenti alimentari quotidiani.

Anna Cantagallo, medico specialista in Endocrinologia e Scienza dell’ Alimentazione, è già autrice di pubblicazioni scientifiche.

Supportata da un gruppo di dietisti romani, ha scritto Diabetario, un libro della collana La salute in cucina (L’Airone Editrice) della quale, l’anno scorso, vi avevo segnalato Le ricette del cuore. Il sottotitolo del volume recita: Il piacere di mangiar bene per i diabetici e non solo…

Perché è giusto che tutti vivano con meno limitazioni le prescrizioni mediche, anzi con fantasia e piacere.

Pur non avendo, per fortuna, casi eclatanti di malattie nella mia famiglia di origine né in quella acquisita, ho visto due parenti cadere vittima del diabete, improvvisamente ed in età avanzata.

Uno dei due, defunto ormai da oltre una decina d’anni, subì addirittura la dolorosa e frustrante amputazione di un piede.

Il diabete, scrive la Cantagallo, è già oggi il grande problema sanitario dei paesi industrializzati che hanno difficoltà a contenere la crescita e i relativi costi.

Ma esso esploderà al verificarsi nei paesi del terzo mondo.

Perciò è molto importante la prevenzione, e primaria è l’alimentazione abbinata all’attività fisica.

Diabetario offre un’analisi dettagliata degli alimenti, valutandoli e suggerendo pietanze tanto leggere quanto gustose, abbinate scientificamente in menù completi e di agevole utilizzo: inoltre  sovverte le regole claustofobiche che hanno regolato la vita dei diabetici fino a poco tempo fa: niente carboidrati, no pasta e fagioli, le uova fanno male al fegato, ed altri miti anzi anti-miti simili che questo libro finalmente sfata.

Ed era ora!

——————————————————————————————

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi essere sempre aggiornato, inviando una semplice e-mail a: letteraturagastronomica@supereva.it puoi iscriverti gratui- tamente alla NEWSLETTER DELLA GUIDA DI LETTERATURA GASTRONOMICA.