Questo sito contribuisce alla audience di

Schiciola o friciola

Si chiama friciola ad Asti (nella foto) e schiciola nel Monferrato Casalese. Si consuma con fette di salame, oppure con sottili fette di lardo appoggiate sopra. Accompagnata da un buon bicchiere di grignolino, può diventare un gustoso aperitivo.

Ingredienti per 4 persone:

 
100 grammi di farina
10 grammi di lievito di birra
sale
acqua
(necessaria per impastare)
olio di oliva per friggere

 

Impastare in una terrina la farina con l’acqua e il lievito di birra. Lasciare lievitare in luogo tiepido coprendo la terrina con un canovaccio fin quando l’impasto ha raggiunto il doppio del suo volume iniziale. Tirare la pasta con il matterello, formare dei dischi o rettangoli sottilissimi di circa 10/12 cm. Incidere la superficie con la punta di un coltello per favorire i rigonfiamenti della pasta in fase di cottura. Porre sul fuoco una padella con olio di oliva e cuocere le schiciole.

  

Da: “A proposito di pane” di Piera Genta (Daniela Piazza Editore).

————————————————————————————————–

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi essere sempre aggiornato, inviando una semplice e-mail a: letteraturagastronomica@supereva.it puoi iscriverti gratui- tamente alla NEWSLETTER DELLA GUIDA DI LETTERATURA GASTRONOMICA.