Questo sito contribuisce alla audience di

Sapore d'infanzia

E’ cominciato martedì 10 novembre 2009, con molto gusto, il laboratorio di “Sapori letterari” presso la biblioteca comunale "Alessandro Manzoni" di Pioltello (Mi). Il gruppo è ben nutrito e ha iniziato ad esplorare i sapori della memoria. Come quello della polenta, che Francesca Ziglioli ha tirato fuori dai ricordi della sua infanzia e che ogni anno in questa stagione la riaccompagna in un’antica e spaziosa cucina dove lei – la giovane donna che vedete nella foto - resterà per sempre la nipotina che ripeteva i gesti dell’amata nonna.

L’infanzia, un tempo lontano, un sapore lontano…
Torna puntuale ogni anno, in autunno, in inverno.
Improvvisamente il freddo, la nebbia… e io mi ritrovo in quella cucina, così calda e così grande, una domenica come tante.

L’ acqua bolliva lentamente nel paiolo e lei, la mia nonna, pian piano faceva scivolare la farina gialla (oggi direi la farina bramata oro).
Le stavo sempre molto vicina, per ripetere insieme a lei quei gesti che già conoscevo e che si rinnovavano puntualmente ogni domenica.
In mezzo alla cucina troneggiava il grande tavolo dove ci riunivamo tutti.
E poi, quando la polenta si era ben ispessita, eccola giungere: su quel tagliere così fumante, al centro di tutti noi.

 

La ricetta della polenta di Francesca Ziglioli

Ingredienti:
1 litro e ½ di acqua
½ kg di farina bramata oro
sale q. b.

Portare l’acqua a bollore e lasciarvi cadere la farina a pioggia, rimestando in conti- nuazione con un cucchiaio di legno affinché non si formino grumi. La polenta sarà cotta quando (una quarantina di minuti dopo), sempre mesco- lando, si staccherà dalle pareti della pentola.

——————————————————————————————-

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi essere sempre aggiornato,
con una semplice e-mail puoi iscriverti gratuitamente alla
NEWSLETTER DELLA GUIDA DI LETTERATURA GASTRONOMICA.