Questo sito contribuisce alla audience di

Per Natale, regali gustosi

I consigli della Guida da mettere sotto l'albero.

Un raccoglitore per le ricette:
Le mie ricette (red!)
Il luogo privilegiato dove poter racco- gliere le ricette preferite, da tenere sempre sotto mano ogni volta che bisognerà pensare a come organizzare la passione per la cucina e i momenti di incontro con il cibo. Presenta otto ‘tasche’ in cui si possono infilare ritagli di giornali, fogli di appunti o bigliettini volanti che rischierebbero altrimenti di andare dispersi. Una tasca, in particolare, è dedicata ai menu, per raccogliere quelli che si è avuto occasione di degustare e quelli già preparati personalmente per i propri ospiti. Oltre che raccoglitore e punto di riferimento delle idee culinarie, contiene anche informazioni pratiche, tabelle e valori di riferimento, quelli che si danno sempre per scontati ma che quando servono non si sa mai dove reperire. E poi tanto spazio per scrivere le ricette, quelle che diventeranno il patrimonio personale a cui potrer attingere con sicurezza in ogni occasione.

 

Una guida inebriante:
I vini di Veronelli 2010
Ventiduesima edizione della guida oro I vini di Veronelli, anno 2010. Divisa in Regioni da nord a sud e poi verso le isole maggiori, i Comuni sono ordinati alfabeticamente come pure le aziende vitivinicole all’interno dello stesso Comune. Di ciascuna azienda sono forniti i recapiti e i dati oltre a una serie di simboli che aiutano a dare informazioni utili al lettore-viaggiatore. I vini sono elencati in base alla gerarchia delle denominazioni (DOCG, DOC, IGT, da tavola); a seconda che siano bianchi, dolci, rosati, rossi; per annata consi- gliata, estensione del vigneto, numero di bottiglie prodotte, elevazione in botti di legno o in vasche d’acciaio, in carati di rovere o in anfore di terracotta. Le valutazioni sono quelle usate tradizionalmente nelle passate edizioni: sole, super tre stelle, tre stelle, eccellente, ottimo, buono. Come ogni anno, in chiusura di guida, si trova la selezione di vini del Canton Ticino.

 

Un film che diverte e riscalda:
Pranzo di ferragosto
Dal titolo anacronistico, ci sta proprio col freddo che fa. Ecco la trama:
Gianni, un uomo di mezz’età vive con sua madre, vedova, in una vecchia casa nel centro di Roma. Tiranneggiato da lei, nobildonna decaduta, trascina le sue giornate fra le faccende domestiche e l’osteria. Il giorno prima di Ferragosto l’amministratore del condominio gli propone di tenere in casa la propria mamma per i due giorni di vacanza. In cambio gli scalerà i debiti accumulati sulle spese condominiali. Gianni è costretto ad accettare. A tradimento, l’amministratore si presenta con due signore, perché porta anche la zia. Gianni, travolto, si adopera per farle contente. Accusa un malore e chiama un amico medico che lo tranquillizza ma, implacabile, gli lascia la sua anziana madre perché è di turno in ospedale. Gianni passa ventiquattr’ore d’inferno. Quando arriva il sospirato momento del congedo però le signore cambiano le carte in tavola.

 

Un regalo artigianale:
Regali di Natale con il riciclo
Seguendo questo manuale puibblicato dalle edizioni Il Castello, si potranno preparare dei pensierini originali e sfiziosi, ma anche preziosi per chi li riceverà, realizzati con le proprie mani. Infatti, attraverso ben dodici progetti, spiegazioni e cartamodelli di Barbara Aldrovandi, sarà possibile realizzare regali all’insegna del riciclo creativo.
Che fa bene al cuore, alla natura e alle tasche.

 

B u o n e ,   b u o n i s s i m e   f e s t e !

——————————————————————————————

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi essere sempre aggiornato, inviando una semplice e-mail a: letteraturagastronomica@supereva.it puoi iscriverti gratui- tamente alla NEWSLETTER DELLA GUIDA DI LETTERATURA GASTRONOMICA.