Questo sito contribuisce alla audience di

Ecco perché non mangiare gli animali

Un libro per ragazzi che, con incantevoli illustrazioni e in modo veramente toccante, spiega ai giovani lettori gli effetti che il mangiar carne può avere sull'ambiente e sulla nostra vita.


Amare gli animali rientra nella nostra natura (se non ci gua- stiamo lungo il cammino, specie in quella dei bambini.
Ricordo - e vi propongo - questo brano tratto dal libro di Mario Lodi “I bambini della cascina”:

Per me fu una scena disgustosa e terribile. Vedere quel povero animale nostro amico, che avevamo allevato fin da piccolo e che era cresciuto pian piano sotto i nostri occhi fino a diventare bello e forte, rovesciato in terra dal macellaio e finire così, con una lancia piantata nel cuore. E mentre il macellaio girava la lancia e il sangue sgorgava a fiotti, lui moriva urlando. Un urlo che si sentiva lontano un chilometro, straziante. Li ho sentiti tutti gli urli dei maiali della cascina, ma quella scena non la volli vedere più.

per introdurvi un altro libro che s’intitola Indovina chi c’è nel piatto?, edito dalla casa editrice Sonda, che tratta il doloroso argomento del mangiare la carne.

Chi fin da piccolo ha avuto la fortuna di avvicinarsi non solo al cane o al gatto di casa, ma anche a pulcini, conigli, mucche, cavalli, maiali o ad altri animali di campagna, avrà sentito immediatamente il calore del loro respiro, il loro modo tutto particolare di essere vivi e di provare emozioni. E ognuno, a modo suo, è unico e diverso da tutti gli altri. Proprio come quello degli uomini.
Eppure questi animali finiscono nei nostri piatti, ogni giorno.
È giusto che sia così?

Indovina chi c’è nel piatto?è un libro scritto e illustrato con competenza e passione da Ruby Roth che risponde a quaesta domanda; utile a ogni genitore che voglia spiegare ai propri figli la necessità di conoscere e rispettare gli animali e il pianeta che ci ospita tutti.

Maiali, tacchini, mucche, oche e quaglie, ma anche pesci e molte altre creature del pianeta vengono rappresentati sia nella loro condizione naturale (liberi, solidali tra loro, accoccolati e teneri, coi loro istinti e i loro rituali familiari) sia prigionieri negli allevamenti, oppure quando vengono cacciati e uccisi. Gli animali ci raccontano così come la loro vita potrebbe essere felice se non fossero prima imprigionati negli allevamenti intensivi e poi trasformati in carne.

Il volume mostra, inoltre, l’effetto che mangiare gli animali ha sull‘ambiente, sulla foresta pluviale, sui pesci e su tutte le creature degli oceani, sulle specie in via di estinzione, ma anche sul nostro futuro. Un grido di allarme ma anche un suggerimento su cosa fare, semplicemente, ogni giorno per far cessare le sofferenze sulla Terra e vivere meglio attraverso la libertà animale.
Ma non vuole certo spaventare i giovani lettori, bensì suscitare in loro rispetto e compassione per gli animali, il cui benessere è nelle nostre mani e dare quei consigli pratici e quelle suggestioni emotive di cui i bambini hanno bisogno.

——————————————————————————————————

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi essere sempre aggiornato, inviando una semplice e-mail a: letteraturagastronomica@supereva.it puoi iscriverti gratui- tamente alla NEWSLETTER DELLA GUIDA DI LETTERATURA GASTRONOMICA.