Questo sito contribuisce alla audience di

Abbasso i proverbi... non è vero che tutto fa brodo

Quelli intorno al brodo ad esempio: gallina vecchia fa buon brodo (e quella giovane come lo fa?), meno pregiato è il pesce meglio il brodo riesce (sarà, però la qualità…), troppi cuochi rovinano il brodo (mai sentito parlare di sinergia?).

noneverochettutofabrodoMa il più famoso è certamente tutto fa brodo. Così famoso che un intero libro è stato pubblicato sull’argomento, per affermare e comprovare il suo contrario: Non è vero che tutto fa brodo (Guido Tommasi Editore), di Chiara Guarnerio, Silvia Scalzi e Roberta Spagnoli, riunitesi sotto il nome La Ditta.
Secondo le autrici non è vero, perché nella vita, come in cucina, bisogna saper riconoscere sentimenti e sapori in tutte le loro note: talvolta devono essere rafforzati dall’aroma giusto, a volte devono essere stemperati o lasciati rosolare a fuoco lento, incoperchiati.

In questa raccolta di storie lunga quanto un menu le tre scrittrici, nonché cuoche e pubblicitarie, hanno cucinato passioni lievi e saporite, acute e rotonde, per far riempire il cuore e la pancia con sincera soddisfazione: la nostalgia in un tortello di zucca, l’amore in un flan di carote, un sorriso e una lacrima per ogni fetta di torta salata di cipolle e poi coniglio alla cacciatora, ceche al sugo, dolce moka: il dessert della memoria. Per digerire, infine, un liquore ad alto tasso alcolico come il nocino, dolce e amaro allo stesso tempo.

E’ un menu vario e ricco, per assaporare la vita anche, e soprattutto, attraverso il cibo; il menu di chi ama mangiare con sentimento e sentire con gusto in ogni momento.

Ma ora l’anti-proverbio de La Ditta è anche un gustoso spettacolo teatrale dal titolo Flan di carote che, il 17 e il 24 maggio 2010, andrà in scena al Teatro Out Off di Milano.
Si tratta di una commedia appetitosa e brillante che mette in scena l’amore come se fosse una ricetta in cui gli ingredienti si amalgamano in un funambolico equilibrio di sentimenti, tra risate saporite e battute cotte a puntino.

Le due serate prevedono un vero e proprio coinvolgimento multisensoriale da parte del pubblico che assaporerà il primo atto in teatro, immedesimandosi nelle vicende della commedia, e vivrà il secondo al ristorante, godendo dei sapori proposti da un menu degustazione preparato dallo chef del ristorante “Le Quinte”, nel foyer dell’Out Off.

Sulla scena ci saranno gli ottimi Alessandra Sarno, Marco Ghirlandi, Pia Engleberth, attori già noti nell’ambiente teatrale milanese e volti conosciuti sul piccolo schermo grazie alla partecipazione in alcune produzioni televisive Rai e Mediaset. La regia è di Giorgio Centamore, attore, regista, autore di spettacoli teatrali e di trasmissioni televisive a fianco di Enzo Iacchetti e di Aldo, Giovanni e Giacomo.

Il divertimento è assicurato, e pure che si uscirà dal teatro gran satolli grazie a un menù che è uno spettacolo!

——————————————————————————————————

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi essere sempre aggiornato, inviando una semplice e-mail a: letteraturagastronomica@supereva.it puoi iscriverti gratui- tamente alla NEWSLETTER DELLA GUIDA DI LETTERATURA GASTRONOMICA.